Home Personale Le regioni che hanno abolito il certificato medico per tornare a scuola

Le regioni che hanno abolito il certificato medico per tornare a scuola

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Via l’obbligo di certificato medico oltre i 5 giorni di malattia per essere riammessi a scuola. Aumentano le regioni che hanno abolito l’obbligo.

L’abolizione del certificato medico per il rientro a scuola, “rilasciati dai soggetti individuati dalla normativa e dagli accordi collettivi nazionali vigenti”, è un atto storico: la sua prima applicazione risale, infatti, al 22 dicembre 1967, quando fu approvato con il decreto n. 1518 del presidente della Repubblica.

Lombardia, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Piemonte, Emilia Romagna, Umbria, dalle Province autonome di Trento e Bolzano e Lazio, adesso è il turno delle Marche.

ICOTEA_19_dentro articolo

Con l’abolizione della presentazione del certificato medico, si sollevano famiglie, i medici e i pediatri e le scuole da un obbligo ormai solo burocratico introdotto nel 1967 e che oggi è divenuto obsoleto.

Il certificato sanitario resta obbligatorio nei casi di profilassi previste a livello nazionale o internazionale per motivi di sanità pubblica (ad esempio resta per il morbillo, mentre c’è esonero per otiti o alla serie di semplici infiammazioni delle vie respiratorie).

Vale anche anche per le malattie per le quali sussiste l’obbligo vaccinale nonché altre malattie contemplate nella circolare ministeriale n.4 del 13 marzo del 1998.

Preparazione concorso ordinario inglese