Home Attualità Licei biomedici, istituzionalizzarli per superare numero chiuso a medicina

Licei biomedici, istituzionalizzarli per superare numero chiuso a medicina

CONDIVIDI

Il Presidente della Commissione Cultura del Senato, il leghista Mario Pittoni, è sempre stato convinto sostenitore del liceo biomedico, tanto da voler rendere ordinamentale l’idea del liceo biomedico per come è stata attuata dalla Dirigente scolastica Giusi Princi del Liceo Scientifico Leonardo da Vinci di Reggio Calabria.

Disegno di legge proposto dalla Lega

Il Senatore leghista Mario Pittoni annuncia via facebook un Disegno di legge per istituzionalizzare i licei biomedici già avviati, in fase sperimentale, in circa 140 licei scientifici e classici di tutta Italia: «Inserire l’indirizzo biomedico tra le opzioni dei licei classici e scientifici come primo passo verso il superamento del numero chiuso nell’accesso ai corsi universitari di medicina. Lo prevede il nostro disegno di legge sottoscritto da tutti i senatori leghisti». Ad annunciarlo è il senatore della Lega Mario Pittoni, presidente della commissione Cultura a palazzo Madama, da sempre sostenitore della sperimentazione avviata dal liceo Leonardo da Vinci di Reggio Calabria e primo firmatario del ddl. «I ragazzi – spiega Pittoni – possono verificare quanto sono portati a tale tipo di studi. Si tratta di un filtro qualitativo in grado da una parte di contenere i numeri e dall’altra di giustificare nuovi investimenti, così da non dover escludere chi merita».

Licei biomedici, adesso si attendono risposte

Il percorso è divenuto oggi una delle eccellenze formative più richieste dai licei italiani, basti pensare che sono quasi 140 i licei tra classici e scientifici distribuiti in 90 province rappresentative  di tutte le Regioni italiane (a fronte di 400 richieste di licei classici e scientifici che non è stato possibile soddisfare) coinvolti nel percorso nazionale di biomedicina di cui è capofila il liceo scientifico da Vinci di Reggio Calabria. Oltre 12.000 gli studenti coinvolti in tutta Italia nella frequenza di questo nuovo indirizzo di studi, il 40% comprende in itinere di non essere tagliato per questa tipologia di percorso e decide di abbandonarlo, mentre il 60% si appassiona e si forma per proseguire gli studi universitari orientandosi su facoltà sanitarie.

ICOTEA_19_dentro articolo

Adesso la Prof.ssa Giusi Princi Dirigente scolastica del Liceo Scientifico Leonardo da Vinci di Reggio Calabria , scuola capofila della sperimentazione nazionale,  la FNOMCEO con il suo Presidente Prof. Filippo Anelli, l’ordine dei medici di Reggio Calabria con il Dott. Pasquale Veneziano e il Dott. Domenico Tromba, il dott. Roberto Monaco – Segretario Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri (FNOMCeO), dott. Roberto Stella – Presidente OMCeO Varese e Responsabile Area Strategica Formazione FNOMCeO,  chiedono al MIUR risposte chiare sulla istituzionalizzazione del liceo biomedico come indirizzo dei licei classici e scientifici.

Il prossimo 12 febbraio 2020 al MIUR si riunirà la cabina di regia presieduta dall’Ispettore del Miur Massimo Esposito della sperimentazione dei licei biomedici per fare il punto della situazione e i monitoraggi del percorso alla vigilia della conclusione del primo triennio.