Home Personale Licenziare i docenti incapaci

Licenziare i docenti incapaci

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Il Gruppo afferma per bocca di Valerio Vagnoli: “Che le assunzioni nella scuola italiana abbiano spesso corrisposto soprattutto ad interessi di carattere sindacale lo dimostrano da decenni numerosissimi fatti, tra cui la mancanza di volontà di superare le attuali complicatissime graduatorie del personale supplente. Un sistema del genere rappresenta una miniera d’oro per le tante sigle sindacali afferenti il mondo scolastico senza il supporto delle quali è impossibile che il precario riesca a capirci qualcosa.”

E’ indubbio che attorno al precariato e all’assunzione dilazionata dei precari il business è stato, negli anni, notevole. Il risultato è stato che “pur di sistemare decine e decine di migliaia di aspiranti docenti usciti da un sistema universitario dequalificato e interessato soprattutto a racimolare utenza, si finisce col trascurare gli interessi degli studenti.”

Quale problema può nascere, dunque, dalle assunzioni promesse da settembre 2015? “L’ingresso contemporaneo di così tanti docenti, una parte dei quali da anni lontani dalla scuola o addirittura mai entrati in una classe per aver vinto anni fa un concorso senza aver ottenuto poi la cattedra, non può non creare perplessità sulla loro adeguatezza a ricoprire quel ruolo.”

ICOTEA_19_dentro articolo

Il Gruppo di Firenze per la scuola del merito e della responsabilità auspica che “almeno il loro anno di prova sia una cosa seria e non si limiti, come quasi sempre accade, a una mera formalità; e che per questo vengano coinvolti nel giudizio del loro operato anche gli ispettori periferici.”

 

{loadposition articologoogle}

 

Responsabilità e merito nelle assunzioni e soprattutto nella gestione del personale: bisogna (finalmente) di mettere in condizione di non nuocere i docenti incapaci e neghittosi.

Secondo il Gruppo si tratta di “docenti peraltro facilmente individuabili, ma che non si possono altrettanto facilmente allontanare dall’insegnamento a causa di norme iperprotettive, che infliggono di fatto danni irreversibili agli studenti, soprattutto a quelli che provengono da famiglie che mai saranno in grado di far recuperare ai figli quello che il docente gli ha tolto. Casi non rari, purtroppo, nella scuola. Ci auguriamo quindi che le nuove assunzioni rappresentino una svolta in direzione della serietà, perché la buona scuola consiste innanzitutto nell’avere dei buoni docenti e questo è il primo sacrosanto diritto di ciascun ragazzo e di ciascun bambino.”

 

CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese