Home Personale M5S presenta esposto su esternalizzazione pulizie

M5S presenta esposto su esternalizzazione pulizie

CONDIVIDI

“Valutare l’eventuale sussistenza del danno erariale causato dall’esternalizzazione degli appalti alle ditte di pulizia negli istituti scolastici, comprese le proroghe e i fondi per il progetto scuole belle”.

Così i parlamentari M5S in commissione Cultura sintetizzano il contenuto dell’esposto presentato alla Corte dei Conti, sezione del Lazio firmato dai deputati Chiara Di Benedetto, Luigi Gallo, Maria Marzana e la Senatrice Manuela Serra.

Icotea

“L’esternalizzazione dei servizi di pulizia delle istituzioni scolastiche – continuano i deputati pentastellati – non ha raggiunto gli obiettivi di efficienza e di economia di gestione prefissati. Non solo non ha prodotto alcun risparmio per la spesa pubblica, ma è risultato essere più costoso rispetto a una stabilizzazione a tempo indeterminato del personale coinvolto. Ciò ha provocato un danno all’erario pubblico.
Non bastasse, l’affidamento degli appalti delle pulizie nelle scuole attraverso bandi al ribasso ha creato un meccanismo che ha finito il ricadere negativamente sui lavoratori impiegati presso le ditte aggiudicatarie, causando effetti di maggiore precarietà”.

“Questo approccio distorsivo – concudono i deputati – ha causato un danno alle casse dello Stato, ai lavoratori e avvantaggiato solo il sistema di società e cooperative appaltatrici. Non contento, il Governo ha pensato bene di prorogare questo modello attraverso l’attuazione del programma Scuole Belle – al quale il Governo ha destinato 150 milioni di euro per il 2014 e 450 milioni per il triennio 2014-2016 – accentuando così ulteriormente questo processo di esternalizzazione. Di fronte a politiche che non fanno il bene né dello Stato né dei lavoratori quello di presentare un esposto ci sembra un atto dovuto”