Home Personale “Masterprof”: valorizzare gli insegnanti migliori

“Masterprof”: valorizzare gli insegnanti migliori

CONDIVIDI

Daniele Manni spiega a “Scuola24” le ragioni di questo progetto: «L’obiettivo è quello di mettere in luce tutte le buone pratiche della scuola italiana per dare visibilità ai migliori. Questo per dare soddisfazione ai diretti interessati, ma anche nella speranza che queste storie siano da stimolo per i colleghi, per tutta la comunità scolastica, possa fare da catalizzatore per far venire voglia di cambiare, emulare, crescere e smuovere le acque nella scuola».

“E l’esperienza di “Masterprof” serve anche ai ragazzi per imparare a confrontarsi con un lavoro importante, quello di una start up”. Per Manni infatti è importante avvicinare gli under 18 alle start up, creando delle imprese reali che funzionino e facciano addirittura guadagnare.

A segnalare i prof più bravi, si legge sul Sole 24 Ore,  può essere chiunque: studenti soprattutto o ex studenti, ma anche insegnanti che abbiano piacere di parlare di una buona pratica messa in atto da un collega, e poi famiglie, dirigenti scolastici e i docenti stessi, che potrebbero voler condividere una buona esperienza messa in atto in classe. “Masterprof” si è ispirato proprio al “Global teacher prize”, ma non è una competizione: non ci sono giurie, scadenze, finalisti e vincitori. I ragazzi hanno letto e tradotto le storie raccolte e ne sono rimasti colpiti, tanto da voler fare qualcosa di simile per quegli insegnanti italiani che nel loro lavoro mettono impegno e passione. Al momento stanno raccogliendo le segnalazioni. Il secondo passo sarà quello di chiamare i diretti interessati per farsi raccontare la propria esperienza scolastica che verrà poi pubblicata sul sito.

Icotea