Home Archivio storico 1998-2013 Generico Misure di contrasto nelle aree a rischio e a forte processo immigratorio

Misure di contrasto nelle aree a rischio e a forte processo immigratorio

CONDIVIDI
  • Credion
Facendo seguito alla sottoscrizione, in data 16 marzo 2010, della specifica ipotesi di Ccni, finalizzato a stabilire i criteri e i parametri di attribuzione delle risorse per le scuole collocate in aree a rischio educativo, con forte processo immigratorio e per la dispersione scolastica, il Miur ha emanato la nota prot. n. 3152 del 3 maggio 2010, con la quale ha fornito ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali indicazioni e precisazioni in materia.
Nel raccomandare il tempestivo avvio della contrattazione per la stipula dei contratti integrativi regionali con le Organizzazioni Sindacali, al fine di definire i criteri di utilizzo da parte delle scuole del fondo accreditato dal Miur, la durata dei progetti e gli obiettivi delle azioni, il Ministero ha ricordato che le competenti commissioni regionali dovranno selezionare e definire i progetti finanziabili, in relazione con le priorità e le risorse disponibili territorialmente, dopodiché, entro il prossimo 30 maggio, dovranno trasmettere alla Direzione Generale per lo studente, l’integrazione, la partecipazione e la comunicazione – Ufficio VI l’elenco delle istituzioni scolastiche destinatarie dei finanziamenti, utilizzando l’apposito prospetto allegato alla nota.
Il finanziamento relativo all’anno finanziario 2009 è compreso nei capitoli 1188, 1179, 1183 e 1203, ognuno denominato “Fondo per le competenze dovute al personale delle istituzioni scolastiche, con esclusione delle spese per stipendi del personale a tempo indeterminato e determinato”, rispettivamente per l’istruzione prescolastica, l’istruzione elementare, l’istruzione secondaria di 1° e 2° grado, iscritti nello stato di previsione del Miur.
Tali risorse, relative all’a.s. 2009/10, sono attribuite direttamente alle istituzioni scolastiche, i cui progetti risultino approvati, nell’ambito dei finanziamenti complessivi ripartiti tra gli Uffici Scolastici Regionali, secondo gli importi riportati nel seguente prospetto:
 
UU.SS.RR.
IMPORTO IN EURO
PIEMONTE                  
2.675.069
LOMBARDIA               
6.323.872
VENETO                     
3.227.137
FRIULI VENEZIA GIULIA
761.675
LIGURIA
978.923
EMILIA ROMAGNA
3.039.514
TOSCANA       
2.168.444
UMBRIA          
730.713
MARCHE         
1.284.620
LAZIO  
3.248.423
ABRUZZO
1.219.939
MOLISE
344.534
CAMPANIA
8.773.794
PUGLIA           
5.306.240
BASILICATA    
985.245
CALABRIA                  
3.077.981
SICILIA                        
7.206.405
SARDEGNA                
1.842.532
TOTALE EURO
53.195.060
 
La quota di finanziamento, disponibile per ogni regione ed assegnata ai singoli istituti scolastici, è da considerarsi comprensiva degli oneri a carico dello Stato.
Tali risorse, ricorda infine il Miur, potrebbero non essere certe e disponibili per gli anni successivi a quello corrente e per le medesime finalità, in quanto il Ccnl Scuola è scaduto il 31 dicembre 2009, per cui l’individuazione di nuovi criteri e parametri per l’assegnazione delle risorse per l’a.s. 2010/11 potrebbe portare ad una radicale revisione dell’istituto contrattuale previsto all’art. 9 dello stesso Ccnl. Informazione, questa, che interessa in particolare le scuole che hanno in corso progettazioni pluriennali con prosecuzione degli stessi anche nel prossimo anno scolastico.