Home Mobilità Mobilità 2017-2018, i punti principali dell’accordo. Il punto (VIDEO)

Mobilità 2017-2018, i punti principali dell’accordo. Il punto (VIDEO)

CONDIVIDI
webaccademia 2020

In questo breve video di circa tre minuti, Lucio Ficara, redattore de “La Tecnica della Scuola”, mette a fuoco i punti principali dell’accordo firmato oggi tra Miur e sindacati sulla mobilità 2017/2018.

  1. Tutti i docenti avranno, compresi i titolari su ambito, le stesse opportunità di avere la titolarità su scuola sia in provincia che fuori (sarebbe quindi cancellata quindi l’ultima parte del comma 73 della legge 107/2015 ).

    ICOTEA_19_dentro articolo
  2. Tutti i docenti potranno fare domanda dove credono, al limite chi vuole potrà mettere fino a 15 province (in passato era possibile solo alle superiori) facendo un’unica domanda (=semplificazione)

  3. Nessuno (né vecchio né nuovo) è quindi obbligato, se non vuole, ad andare su ambito, pagando solo il pegno del limite di 5 scuole.

  4. Infine c’è un vincolo stringente a trovare un accordo nella mobilità da ambito a scuola (in deroga ai commi da 79 a 83) come condizione per sottoscrivere il Ccni definitivo sulla mobilità. Ci sarà un elenco di “requisiti ” (e non criteri discrezionali) nazionale che la scuola, ovvero il collegio docenti e non il Ds a sua discrezione, potrà indicare in coerenza all’approvazione o adeguamento del PTOF in relazione ai posti assegnati e vacanti.

 

Preparazione concorso ordinario inglese