Home I lettori ci scrivono Mobilità 2020, sarà l’ennesima farsa?

Mobilità 2020, sarà l’ennesima farsa?

CONDIVIDI
  • Credion

Con grande soddisfazione, il Ministro ha comunicato che il 28 marzo 2020, primo giorno di apertura delle funzioni, sono state presentate 1238 domande di mobilità. Lo scorso anno, nello stesso periodo di tempo, erano state 1107.

È in atto la pubblicazione delle cessazioni di servizio, da cui si evince chiaramente che la maggior parte sono “Quota 100” da certificare. Abbiamo avuto già esperienza, in situazione di piena ordinarietà, di come tali posti non siano stati esitati in tempo utile per essere disponibili nelle operazioni di mobilità 2019/2020. E abbiamo ad oggi constatato, nonostante gli annunci, la sparizione di fatto dei 9.000 posti Quota 100, “recuperati” dal precedente anno scolastico e comunque destinati dal Ministero alle sole assunzioni in forza al Decreto Scuola n.126 del 29 ottobre 2019 voluto dall’attuale Ministro, attraverso una scelta che viola palesemente all’art. 465, comma 2 del D.Lgs 297/94, secondo cui il 50% dei posti in organico di diritto spetta alla mobilità da altra provincia, non v’è nemmeno traccia.

Icotea

In una diretta Facebook del 16 marzo 2020, il Ministro, illustrando le misure del decreto Cura Italia relative alla scuola, ha parlato brevemente anche di mobilità, affermando che “La mobilità andrà assolutamente avanti, il personale ha tutto il diritto di ricongiungersi con i propri cari”.  Benissimo. Che questo diritto, allora, si concretizzi e non resti solo sul web!

Ricordiamo, infatti, che la domanda di cessazione dal servizio, inoltrata all’Inps entro il 10 gennaio 2020, dovrà essere lavorata e conclusa entro il prossimo 29 maggio 2020 e il 5 giugno 2020 è il termine ultimo fissato per la comunicazione al SIDI delle domande di mobilità e dei posti disponibili.

Considerata la situazione emergenziale in corso, che ha comportato la straordinaria attivazione di “lavoro agile” da casa (agile, a volte, solo a parole), sarebbe opportuno prorogare queste scadenze al fine di garantire il totale utilizzo di questi posti per le procedure di mobilità e immissioni in ruolo.

Accoglierà il Ministro questo Appello sulla mobilità o assisteremo, inermi, all’ennesimo Decreto di immissioni in ruolo straordinarie ad anno scolastico inoltrato?

Comitato 8000esiliatifaseb gae

Comitato NONSISVUOTAILSUD

Gruppo FB Esiliati Attivi

Nastrini Liberi Uniti

Osservatorio Diritti Scuola