Home Mobilità Mobilità, al sud più del 50% ha usato la 104, al nord...

Mobilità, al sud più del 50% ha usato la 104, al nord solo l’1%

CONDIVIDI

Periodo di mobilità per i docenti di ogni ordine e grado. Il ministero dell’Istruzione ha reso noti i dati sui“movimenti” (trasferimenti, passaggi di cattedra e di ruolo, provinciali e interprovinciali) richiesti dai maestri di scuola elementare, molti spediti nell’Italia settentrionale.

Non sono mancate le sorprese, però, come segnala La Repubblica: su oltre mille movimenti interprovinciali chiesti verso le regioni meridionali, oltre la metà (il 53 per cento) è stata possibile grazie alla norma che tutela alcune categorie di persone, in particolar modo la 104 (per l’assistenza ai disabili). 

Icotea

Infatti molti ottengono lo spostamento non solo grazie ai titoli e all’anzianità di servizio, ma anche in base alle tutele previste per alcuni casi particolari. 

A livello nazionale – segnala La Repubblica – la quota di trasferimenti agevolati è attorno al 21 per cento.

Al Nord è bassissima: riguarda appena un trasferimento interprovinciale ogni cento. Mentre al Sud oltre metà dei maestri rientrati a casa ha “scavalcato” colleghi con un punteggio maggiore grazie alla legge 104. 

È la Calabria la regione che detiene il record: 100 movimenti interprovinciali agevolati su 130: 77% contro l’1% di Lombardia e Piemonte o del Friuli dove neppure un trasferimento è stato agevolato.

Nelle regioni dell’Italia centrale (Umbria, Marche, Lazio e Toscana) la quota di trasferimenti determinati dalle precedenze non raggiunge il 5 per cento.

Mentre Sicilia e Campania, con 68 e 65 per cento, sono seconda e terza in classifica. E a livello provinciale si registrano sbalzi ancor più consistenti: in provincia di Cosenza, 33 dei 36 maestri che hanno ottenuto il trasferimento da un’altra provincia hanno scavalcato tutti appoggiandosi alla 104.

Un vero e proprio record (92 per cento) che neppure Agrigento arriva a scalfire: con 10 movimenti su 11, si ferma al 91 per cento.