Home Personale Mobilità, ecco come il sistema informatico esamina le preferenze

Mobilità, ecco come il sistema informatico esamina le preferenze

CONDIVIDI

L’ordine delle preferenze inserite nel modello della domanda di mobilità è molto importante. L’algoritmo del sistema informatico, che definisce la scuola di trasferimento o passaggio del docente, esamina tutte le preferenze, secondo l’ordine di inserimento.

Funzionamento del risultato della mobilità

Se un docente vuole fare domanda di mobilità provinciale e anche interprovinciale, la può fare compilando un unico modello di domanda, elencando nelle preferenze sia i codici di scuola, di comune, di distretto e di province. Se il docente vuole ottenere principalmente il trasferimento interprovinciale, e in subordine quello provinciale, deve inserire nelle preferenze della domanda di mobilità, prima i codici di scuola, comune, distretto e provincia del territorio extra provinciale e solo successivamente i codici delle scuole, comuni e distretti della provincia di titolarità.

Il sistema informatico del Miur che consegna i risultati della mobilità, soddisfa le richieste di trasferimento seguendo l’ordine delle preferenze inserite.

In mezzo alla notizia

Cattedre orario esterne e cattedre interne

Ai sensi dell’art.11, comma 6, dell’ipotesi di CCNI mobilità 2019-2022, per la scuola secondaria di primo e di secondo grado, le modalità di assegnazione delle cattedre orario, sia nei movimenti a domanda sia nei trasferimenti d’ufficio, sono le seguenti:

1) in caso di preferenza puntuale (singola scuola o istituto) sono esaminate in stretto ordine sequenziale:

  1. a) le cattedre interne alle scuole;
  2. b) le cattedre orario esterne dello stesso comune;
  3. c) le cattedre orario esterne tra comuni diversi;

2) in caso di preferenza sintetica (comune, distretto, provincia) sono esaminate in stretto ordine sequenziale:

  1. a) le cattedre interne per ciascuna scuola o istituto compreso nella singola preferenza sintetica, secondo l’ordine del bollettino;
  2. b) le cattedre orario esterne con completamento all’interno del comune per ciascuna scuola o istituto, secondo l’ordine del bollettino;
  3. c) le cattedre orario esterne con completamento anche tra comuni diversi, secondo l’ordine del bollettino;

Esclusivamente per la mobilità per l’anno scolastico 2019/2020 le lettere b) e c) dei punti 1) e 2) sono unificati, ovvero non sono distinte le cattedre esterne con completamento all’interno del comune e tra diversi comuni.

In caso di mancato soddisfacimento sulla preferenza esaminata, puntuale o sintetica, si procede all’esame delle successive preferenze, sempre secondo i sopra esposti criteri.

 

Vai alla playlist Mobilità 2019 con tutti i video sull’argomento (clicca qui)

La sezione Mobilità 2019 della Tecnica della Scuola (clicca qui)

 

Leggi anche

Posti disponibili per la mobilità nel triennio 2019-2022

Mobilità 2019, graduatoria interna dei docenti, ecco quando il Ds deve rispettarla [VIDEO]

Mobilità 2019-2022, ecco chi resta bloccato tre anni [VIDEO]

Mobilità scuola 2019, ci saranno tre fasi. Le info utili
Cancellazione degli ambiti, ecco cosa accade ai titolari di ambito
Passaggio di ruolo prevale su mobilità territoriale e passaggi di cattedra
Mobilità scuola 2019, cosa succede per i docenti terzo anno FIT
Mobilità scuola 2019, per chi scatta il vincolo triennale?
Mobilità da sostegno a posto comune sarà su 100% delle disponibilità
Cancellazione degli ambiti, ecco cosa accade ai titolari di ambito
Passaggio di ruolo prevale su mobilità territoriale e passaggi di cattedra
Posti disponibili per la mobilità nel triennio 2019-2022
Mobilità 2019, graduatoria interna dei docenti, ecco quando il Ds deve rispettarla [VIDEO]
Mobilità 2019-2022, la guida con le info utili [VIDEO]