Home Mobilità Mobilità, il docente con coniuge invalido grave ha la precedenza nella scelta...

Mobilità, il docente con coniuge invalido grave ha la precedenza nella scelta della sede

CONDIVIDI

L’insegnante che assiste un coniuge invalido e con gravi patologie ha la precedenza nelle procedure di mobilità.

A stabilirlo è stato, giovedì 8 giugno, il Tar della Liguria, accogliendo il ricorso di una docente di sostegno della scuola primaria che prima era stata assegnata alla sede di Savona, poi a Roma e Sorrento.

ICOTEA_19_dentro articolo

L’insegnante, il cui coniuge è stato riconosciuto invalido al 100 per cento, aveva presentato ricorso contro il ministero dell’Istruzione: il Tar ha ordinato al Miur di riesaminare il caso e di trovare una sede adeguata alle esigenze e ai diritti della maestra.

 

{loadposition carta-docente}

 

Per i giudici del tribunale amministrativo, il docente che assiste un coniuge con invalidità grave ha diritto a un’assegnazione triennale nella sede di lavoro disponibile più vicina al domicilio della persona che accudisce in via esclusiva.

Il ministero dell’Istruzione, inoltre, è stato condannato dai giudici del Tar al pagamento delle spese di giudizio quantificate in 1.500 euro.

{loadposition facebook}