Home Mobilità Mobilità, si attende incontro Miur-sindacati. Docenti sperano nei trasferimenti interprovinciali

Mobilità, si attende incontro Miur-sindacati. Docenti sperano nei trasferimenti interprovinciali

CONDIVIDI

Resta in stand by la situazione della mobilità 2017/2018, dopo la caduta del Governo Renzi e la nascita del nuovo di Gentiloni.

L’insediamento del neo ministro Fedeli, già nell’occhio del ciclone in pochi giorni di nomina, ha fatto slittare l’incontro previsto questa settimana fra sindacati e amministrazione, dopo la convocazione del 7 dicembre scorso.
In quell’occasione sono emersi chiari segnali di una ripresa della trattativa in cui stavolta, forse, verranno ascoltati maggiormente i sindacati.

Icotea

La prossima riunione, infatti, potrebbe fare luce su diversi aspetti, come la possibilità di far spostare anche l’anno prossimo i docenti assunti fino al 2014 senza far perdere loro la titolarità.
Ma quello che potrebbe emergere con il  nuovo Governo Gentiloni, sarebbe l’intenzione dell’amministrazione di Viale Trastevere di estendere tale possibilità ai trasferimenti interprovinciali, non limitando più la chance (come accadde lo scorso anno scolastico) solo in caso di trasferimento sul primo ambito territoriale prescelto.

Novità che senz’altro farà sorridere decine di migliaia di docenti. Molti di loro, infatti, quest’anno avevano tentato il trasferimento, consapevoli dell’alta possibilità di avere accesso al trasferimento tradizionale, scuola su scuola, per l’ultima volta. E non a tutti è andata bene la destinazioni.

“Dall’anno scolastico 2016/2017 la mobilità territoriale e professionale del personale docente opera tra gli ambiti territoriali”, recita il comma 73 della Legge 107/2015, con la conseguenza di quasi 210mila domande di spostamento di docenti che presto, forse, potrebbero avvicinarsi a casa.

Ricordiamo anche che assieme alla deroga alla mobilità solo per ambiti territoriali, era prevista anche quella di permanenza triennale in provincia per gli assunti con la “Buona Scuola”.

Chissà se prima di Natale Miur e sindacati riescano già ad incontrarsi e mettere sotto l’albero un bel regalo a tutti quei docenti interessati ai trasferimenti 2017/2018…