Mobilità territoriale e professionale: info utili sulle istanze da presentare

CONDIVIDI

Eccoci all’appuntamento settimanale con la rubrica “A domanda risponde” curata dal prof. Lucio Ficara, esperto di normativa scolastica. Una serie di risposte alle domande poste dai lettori sulla mobilità territoriale e professionale.

DOMANDA n. 1

Icotea

Sono una docente di scuola primaria, è possibile fare contemporaneamente domanda di trasferimento e di passaggio di ruolo nei licei per l’a.s. 2022/2023.

RISPOSTA

Si, ma a certe condizioni. Non deve trovarsi in situazione di vincolo della mobilità; deve avere il titolo di abilitazione per la classe di concorso da richiedere nel passaggio di ruolo; deve avere già superato l’anno di prova nel ruolo di attuale titolarità. In tal caso la docente potrà fare, con due domande distinte, la mobilità territoriale alla scuola primaria e il passaggio di ruolo verso la scuola secondaria di II grado.

DOMANDA n. 2

Quali sono gli allegati da inserire nella domanda di mobilità 2022/2023 in caso di domanda volontaria di mobilità territoriale?

RISPOSTA

Il punteggio della mobilità si divide in tre sezioni: quella dell’anzianità del servizio; quella delle esigenze di famiglia; quella dei titoli culturali. In ragione di questa suddivisione dei punteggi, alla domanda di mobilità vanno allegati i seguenti documenti: 1) Allegato D dell’anzianità del servizio (non vale l’anno in corso); 2) Allegato F della continuità del servizio (qualora si abbiano i requisiti); 3) La dichiarazione sotto la propria responsabilità di tutte le esigenze di famiglia; 4) la dichiarazione sotto la propria responsabilità di tutti i titoli culturali validi per la mobilità territoriale; 5) Eventuali dichiarazioni sotto la propria responsabilità delle precedenze con relative documentazioni.

DOMANDA n. 3

Quali e quante preferenze è possibile richiedere con un’unica domanda di mobilità territoriale?

RISPOSTA

Con un’unica domanda di mobilità territoriale si possono richiedere contemporaneamente le preferenze della medesima provincia di titolarità e le preferenze di altre province di Italia. Le preferenze esprimibili sono quelle puntuali, ovvero i codici meccanografici delle singole scuole, quelle sintetiche, ovvero i codici meccanografici dei vari comuni, distretti e province. Si possono richiedere massimo 15 preferenze.