Home Attualità Morto uno studente svizzero in viaggio d’istruzione a Roma

Morto uno studente svizzero in viaggio d’istruzione a Roma

CONDIVIDI
  • GUERINI

a vicenda è avvenuta nella notte in via di Torre Rossa, nel quartiere Aurelio, non lontano dal Vaticano e dal centro della Capitale. Nell’istituito ricettivo Domus Nascimbeni, gestito dalle suore, la comitiva di sedicenni svizzeri era ospitata dal 7 aprile. Secondo quanto è stato ricostruito, i ragazzi, tre coetanei, stavano giocando lanciandosi un coltello, quando uno di loro è rimasto colpito al petto, per sbaglio. Sono state le suore dell’istituto a chiamare il 113, intorno alle 23. Si chiedeva aiuto, avvisando che c’era un ragazzo gravemente ferito nella residenza-albergo. Oltre alla polizia, sul posto, sono intervenuti gli operatori del 118 di Roma che hanno tentato rianimare il ragazzo, invano.
 I tentativi di soccorso sono stati inutili: il ragazzo è morto sul colpo. Adesso si occupano del caso gli agenti della squadra mobile della Capitale, insieme alla procura dei minori: gli inquirenti stanno cercando di accertare l’esatta dinamica dei fatti, ascoltando i ragazzi svizzeri della scolaresca di Losanna ospitata nella struttura. 
Nella Domus Nascimbeni erano presenti anche i docenti. Non è ancora chiaro in quale stanza fosse stato ospitato il ragazzo finito trafitto dalla lama, né come i giovani si fossero procurati i coltelli.
Il giovane è morto sul colpo. Sul posto sono intervenuti gli agenti della polizia di Stato per chiarire la vicenda. 
la ministra dell’Istruzione, Stefania Giannini, ha espresso cordoglio per la morte dello studente. 
Lo ha fatto parlando con i giornalisti prima di partecipare all’inaugurazione dell’anno accademico dell’Università di Perugia. Il ministro ha però preferito non aggiungere altro sull’accaduto.