Home Archivio storico 1998-2013 Generico Nasce a Catania un centro italo-tedesco di “Matematica per la Tecnologia”

Nasce a Catania un centro italo-tedesco di “Matematica per la Tecnologia”

CONDIVIDI
  • Credion

Principale ispiratore e promotore di tale collaborazione è stato il professor Angelo Marcello Anile del Dipartimento di Matematica e informatica dell’ateneo catanese, purtroppo prematuramente scomparso, che ha stretto rapporti di collaborazione scientifica con il professor Mario Primicerio, dell’Università di Firenze ed il prof. Helmut Neunzert dell’ateneo tedesco.

Lo scopo del nuovo centro internazionale è la promozione della ricerca in collaborazione con istituzioni di ricerca pubbliche e private, nel campo della modellistica matematica e della simulazione numerica applicata a problemi tecnologici. Attività tipiche della struttura saranno la preparazione di progetti di ricerca congiunti nell’ambito dell’Unione europea, attività di consulenza, studi di fattibilità, progetti di istruzione e formazione per organizzazioni pubbliche e private, nell’ambito della comunità europea, scambio di studenti di dottorato e ricercatori tra gli atenei associati al centro e all’Itwm, promozione e trasferimento tecnologico alle piccole e medie imprese presenti nel territorio.
Oltretutto il partner prescelto a sostegno della nascita del centro è di assoluto prestigio. La Fraunhofer Gesellshaft (FhG) – con i suoi 58 centri di ricerca e 13 mila tra dipendenti e ricercatori – è infatti la maggiore organizzazione tedesca di istituti per la ricerca applicata, ed agisce nell’ambito del programma della Ue per la tecnologia, con lo scopo di migliorare la competitività delle industrie europee attraverso il miglioramento dei processi tecnologici e dei sistemi industriali: la tendenza a considerare la modellistica matematica non più solo come metodologia di indagine accademica, ma anche come strumento operativo per la risoluzione di problemi applicativi ed industriali, ha portato a istituire nel 2001 – nell’ambito della FhG –l’Itwm a Kaiserslautern, sulla base del preesistente e pionieristico gruppo di Techno-Mathematik dell’Università di Kaiserslautern, diretto dal prof. Neunzert. Oggi l’Itwm, dopo un quinquennio di straordinario sviluppo, è diretto dal prof. Prätzel-Wolters e ha trecento unità di personale, di cui oltre cento ricercatori.
Anche in Italia la matematica per le applicazioni tecnologiche vive un momento di notevole sviluppo. 
Vi sono attualmente alcuni centri di competenza riconosciuti dall’Ecmi (European consortium for Mathematics in Industry), quali il Milan research centre for industrial and applied Mathematics (Miriam) di Milano, diretto dal prof. Vincenzo Capasso, ed il centro Innovazione industriale tramite trasferimento tecnologico (I2T3) di Firenze, diretto dal prof. Mario Primicerio. Quest’ultimo ha come obiettivo principale il miglioramento della competitività industriale ottenuta utilizzando in modo efficiente le competenze e i risultati della indagine scientifica, in collaborazione con numerosi dipartimenti universitari e centri di ricerca nazionali e internazionali. 
A Catania il professor Anile ha formato un gruppo di ricerca in matematica per la tecnologia che si è occupato, fra l’altro, di modellistica matematica di dispositivi a semiconduttore, logiche fuzzy e problemi di ottimizzazione in ambito industriale.
Negli anni ottanta, tra l’Università di Catania ed il gruppo Techno-Mathematik di Kaiserslautern è nata una collaborazione che è poi sfociata in un rapporto di partnership ufficiale tra i due atenei, siglato dall’allora rettore Gaspare Rodolico e consolidatosi, negli anni, attraverso l’impegno del gruppo di ricerca del prof. Anile del dipartimento insieme con alcune aziende del territorio, tra cui la Stmicroelectronics.
Tutto ciò ha portato allo svolgimento di numerosi progetti di ricerca applicata, svolti in collaborazione con l’Itwm, su tematiche di matematica finanziaria, modellistica per applicazioni biomeccaniche, algoritmi avanzati per la logistica integrata. Tra gli altri progetti nati da quel ceppo originario di cooperazione, l’istituzione di un dottorato di Ricerca in Matematica per la tecnologia, convenzionato con l’Università di Kaiserslautern.
A causa della rilevanza delle attività ed degli interessi industriali per l’elettronica presenti nel polo hi-tech dell’area catanese, il nuovo centro – che sarà intitolato al prof. Marcello Anile – studierà in particolare i modelli matematici e computazionali per la tecnologia elettronica, affrontando le problematiche relative alla simulazione numerica ed ottimizzazione, ad esempio, di tecnologie di processo per materiali compositi, sensori basati su materiali compositi, dispositivi a semiconduttore per l’energia solare fotovoltaica, e dispositivi elettroottici. Inoltre l’iniziativa riguarderà del trasferimento di conoscenze tecnologiche dagli istituti di Ricerca della Fondazione Fraunhofer alle piccole e medie imprese operanti in Italia, con particolare riguardo ai modelli matematici ed alla simulazione numerica.