Home I lettori ci scrivono No al concorso per gli abilitati, subito in Gae!

No al concorso per gli abilitati, subito in Gae!

CONDIVIDI

Che senso ha indire un nuovo concorso per tutti i docenti abilitati tramite TFA o PAS e inserirli in una nuova graduatoria, se esistono già le Gae?

Perché sperperare il tempo e il denaro degli italiani in un concorso che appare privo di senso? I Sindacati che stanno facendo? L’opinione pubblica che dice? Perché tutti tacciono e nessuno si ribella?

Icotea

Forse è il caso di dire che noi insegnanti ci meritiamo la perdita di autorità e rispetto che si evince dalle notizie ormai giornaliere che ci pervengono dai quotidiani.

Non abbiamo più dignità e ci sottoponiamo inermi al volere di dirigenti, sindacati e ministri che ci voglio sempre più schiavi in una scuola dove non si può più esprimere il proprio parere, dove regna il servilismo e dove si teme di valutare per non essere valutati, perché se gli alunni non studiano, si sa, è colpa dell’ insegnante che non li ha saputi stimolare, motivare, interessare, etc. etc.

E allora ecco che il 4 diventa sei e il sei diventa 8 e così via, in una vergognosa gara al rialzo che nasconde la nostra incapacità di valutare per paura del giudizio del collega, del preside, dei genitori e anche perfino degli alunni. Il sette è infatti il voto più diffuso, non offende nessuno, non è ne basso né alto e difficilmente chi lo riceve si lamenta.

In questa nuova veste fantozziana che le varie riforme della scuola ci hanno ormai cucito addosso, noi insegnanti siamo ormai abituati a subire e subire e quindi, che sarà mai un nuovo concorso? Tanto fra l’altro non bocciano mica nessuno. E allora mettiamoci nuovamente tutti in fila, pronti ancora ad essere giudicati magari da chi sa meno di noi. Eppure una volta impartivamo saperi e conoscenze, aprivamo le menti e insegnavamo il ragionamento critico. Cosa è successo? Abbiamo dimenticato il nostro passato fatto di cultura e saperi?

Forse non siamo più degni di fare gli insegnanti perché il nostro essere sempre e comunque inermi non rappresenta un esempio lodevole per i nostri ragazzi. Abbiamo fatto un solo unico importante sciopero e poi il silenzio. Ci dobbiamo vergognare.

Arianna Ragusa