Home Sicurezza ed edilizia scolastica Norme UNI per le vetrate presenti nelle scuole

Norme UNI per le vetrate presenti nelle scuole

CONDIVIDI

Il Dlgs 81/08 presenta articoli riguardanti le fonti di luce e calore, le superfici trasparenti o traslucide, quali vetri,  che sono validi anche per gli edifici scolastici.

In generale le vetrate presenti nelle scuole devono soddisfare le seguenti necessità:

Icotea
  • Protezione contro lo scasso
  • Controllo della Rottura del vetro
  • Limitazione dell’eccessiva radiazione solare nei luoghi di lavoro
  • Protezione dalle temperature troppo alte o troppo basse mediante misure tecniche locali o attrezzature di protezione individuale
  • Corretta illuminazione, evitando la riflessione e l’abbagliamento.

In tema di sicurezza dei vetri, la normativa UNI 7697 : 2014 definisce i criteri di scelta delle vetrate per edilizia, in relazione al luogo e all’entità del rischio conseguente alla rottura, per garantire la sicurezza dell’utente. I livelli prestazionali minimi stabiliti dalle norme UNI 7697- 2014 per quanto riguarda le scuole di ogni ordine e grado sono i seguenti:

  • Per i serramenti esterni vetrati e le vetrate in facciate continue, strutturali e a fissaggio puntuale: Classe prestazionale 1B1 secondo UNI EN 12600 (Anticaduta) sotto i 100 cm e 2B2 (Antiferita)secondo UNI EN 12600 se sopra i 100 cm.
  • Per vetrate interne:Classe prestazionale 2B2 (Antiferita) secondo UNI EN 12600 per tutti i vetri indipendentemente dall’altezza da terra.