Home Archivio storico 1998-2013 Generico Obama spopola anche nei libri per bambini: 30 testi in 60 giorni....

Obama spopola anche nei libri per bambini: 30 testi in 60 giorni. Ma è polemica

CONDIVIDI
  • Credion
A 60 giorni dalla sua clamorosa elezione Barack Obama, il primo nero ad accedere alla Casa Bianca, diventa anche un eroe dei libri per bambini americani: già ben trenta testi, rivolti a minori, sarebbero stati infatti sinora stampati sulla sua particolare e carismatica figura. La media è quindi di uno ogni due giorni: si tratta di un vero e proprio record per il primo anno di presidenza. Ed anche la first lady, Michelle Obama, ha destato grande curiosità tra gli autori di libri per ragazzi.
A dire il vero la maggioranza dei testi pubblicati finora risale al periodo antecedente alla vittoria di Obama alle presidenziali, il 4 novembre 2008. Significativo che il suo rivale di allora, il senatore repubblicano John McCain, sia protagonista di un solo libro per bambini, per di più scritto dalla figlia, dal titolo “Il mio papà, John McCain”. Ma Obama, evidentemente, detiene la palma del predestinato. Ed anche sui fronte editoriale non si smentisce.
Fin qui tutto chiaro. Peccato che su questa vicenda si stia montando un caso editoriale e forse, visti i precedenti negli Stati Uniti, le premesse non per l’impeachment politico, ma sicuramente per oscurare l’immagine di Obama.
Ad alimentare la polemica è stato nei giorni scorsi il quotidiano “Washington Times”, secondo cui appena cinque giorni prima del suo ingresso alla Casa Bianca, il futuro Presidente avrebbe firmato, in cambio di circa 500mila dollari, un contratto con la Crown Publishing per la pubblicazione di una versione ridotta della sua autobiografia, “Il sogno di mio padre”, destinata agli studenti della scuola primaria. Il Presidente avrebbe garantito allo stesso editore la consegna di un saggio dopo la fine del suo mandato. “Non ricordo alcun caso, prima d’ora, di un Presidente eletto che abbia stipulato un accordo per un libro”, ha detto l’ex consigliere generale della Repubbican National Committee, Jan Baran.
“Ci siamo resi conto che anche non fosse stato eletto, Barack Obama avrebbe avuto un grande impatto sulla Storia e i genitori ne avrebbero parlato ai loro figli”, ha detto Justin Chanda, vicepresidente della casa editrice ‘Simon and Schuster’s Books for Young Readers’, che ha pubblicato un best-seller sull’argomento, “Obama: son of promises, child of hope”, un album biografico illustrato che ha venduto già 350.000 copie. “Siamo nella stratosfera”, ha confidato l’editore che aveva deciso una prima tiratura di 25.000 copie al momento della vittoria di Obama in Iowa il 3 gennaio 2008, spiegando che “se fossero state vendute tutte” sarebbero diventati degli “eroi”. Ma il vero eroe è diventato colui che è saluto sulla poltrona di Presidente degli Stati Uniti. Che ora si deve proteggere dal fuoco di tutti.