Home Archivio storico 1998-2013 Ordinamento Omofobia: che può fare la scuola?

Omofobia: che può fare la scuola?

CONDIVIDI
  • Credion

Il Redattore sociale recensisce un libro della psicologa e psicoterapeuta Margherita Graglia: “Omofobia. Strumenti di analisi e di intervento”, che presenta un’analisi dettagliata sull’origine dell’omofobia – termine oggi in parte superato e sostituito con quello di “omonegatività” – e sulle conseguenze individuali, sociali e culturali che la tendenza a distinguere le persone in base al proprio orientamento sessuale ha comportato nel mondo moderno.
A partire dalla descrizione delle usanze degli antichi greci e romani, la Graglia adotta uno sguardo antropologico e ci invita a riflettere sulle differenti rappresentazioni culturali dell’omosessualità, sui concetti di “natura” e “contro natura”, sugli stereotipi e sui pregiudizi che influenzano la nostra percezione della realtà Per sganciarsi è fondamentale attivare politiche di sensibilizzazione nei principali luoghi di socializzazione, la scuola in primis, e in altri contesti a rischio discriminazione come l’ambito lavorativo e quello sanitario generale, prevedendo l’inserimento dell’orientamento sessuale nella programmazione didattica, corsi di aggiornamento sul tema per gli insegnanti, azioni di contrasto al bullismo, collaborazione con le associazioni gay e lesbiche locali e incontri formativi specifici rivolti ad operatori, datori di lavoro, insegnanti e lavoratori tutti per rispondere in maniera efficace ai bisogni delle persone lgbt (lesbiche, gay, bisessuali, transessuale/transgender) in ogni ambito della loro vita quotidiana, riconoscendole quindi anche nelle loro capacità e funzioni genitoriali.
Per contrastare l’omonegatività – conclude la Graglia – è dunque fondamentale interrompere la spirale del silenzio e agire sulla visibilità sociale, sul riconoscimento istituzionale e sulla conoscenza reciproca attraverso un intervento di ampia portata di natura prima di tutto culturale che promuova e riconosca la policromia dell’essere umano e la piena consapevolezza che “ognuno di noi è costruttore di mondi”.