Home Personale Personale Ata, nelle scuole lo stesso numero di posti dello scorso anno

Personale Ata, nelle scuole lo stesso numero di posti dello scorso anno

CONDIVIDI
webaccademia 2020

“Ogni scuola avrà lo stesso numero di personale Ata dell’anno scorso”: a scriverlo su Facebook è stato il sottosegretario all’Istruzione, Davide Faraone.

“Al Miur – ha spiegato Faraone – abbiamo ben presente che nella ‘Buona scuola in atto’ la professionalità di queste persone è fondamentale. Per questo motivo ci siamo impegnati affinché ogni istituto abbia lo stesso numero di collaboratori scolastici e assistenti amministrativi dell’anno scorso, rispettando gli impegni presi con i sindacati e soprattutto a garanzia del buon funzionamento di tutte istituzioni scolastiche”.

ICOTEA_19_dentro articolo

“Continueremo a lavorare, in una dimensione di ascolto costruttivo, per fare in modo che anche a questa parte indispensabile della comunità scolastica, venga assicurata la stabilità. La Buona Scuola non si fa solo con i dirigenti, con i docenti e con gli studenti. Abbiamo bisogno di tutti per dare gambe all’autonomia”, ha detto ancora il sottosegretario.

 

{loadposition eb-scuola-italia}

 

Il rappresentante del Governo, stavolta però non ha pubblicato numeri: a fine luglio, sempre sugli Ata, Faraone aveva detto che “oltre al personale assegnato di diritto agli istituti, gli Usr potranno assicurare alle scuole collaboratori scolastici e assistenti amministrativi sull’organico di fatto in numero anche superiore ai circa 5.000 dello scorso anno, recuperando quanto ridotto in organico di diritto”.

Tornando al testo pubblicato su Fb il 4 settembre, Faraone ha anche speso parole di ringraziamento per “chi con il suo lavoro sta garantendo il funzionamento della macchina della Buona Scuola. Siamo impegnati per dare stabilità a tutta la comunità scolastica. Il ruolo professionale del personale Ata è fondamentale e va valorizzato. Il loro lavoro, oltre che necessario per ogni scuola e di grande supporto per gli insegnanti, è stato fondamentale in questi mesi di grande fermento nel mondo scolastico. Sento il dovere di ringraziare pubblicamente i tanti funzionari degli Uffici scolastici regionali e territoriali, che grazie al loro senso di responsabilità, hanno consentito, lavorando senza guardare orologio, ferie, temperature cocenti, che la macchina delle assunzioni – ha concluso – andasse in modo spedito”.

Sugli Ata, ricordiamo, pesa la possibilità, rimandata a luglio 2016, di assorbire il personale delle province sui 6.200 posti destinati a turn over. Intanto, per l’anno scolastico appena iniziato, quei posti andranno a supplenza annuale, con scadenza 30 giugno 2016.

 

Metti MI PIACE sulla nostra pagina Facebook per sapere tutte le notizie dal mondo della scuola

 

Preparazione concorso ordinario inglese