Home Didattica Più anni di istruzione formano individui con più competenze?

Più anni di istruzione formano individui con più competenze?

CONDIVIDI

Completare le scuole superiori per competere meglio nel mondo, mentre chi abbandona la scuola è destinato a peggiori risultati non solo in termini di opportunità occupazionali e di guadagni, ma anche di salute e soddisfazione per la propria vita e lavoro: è per questi motivi che la ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli vuole portare l’obbligo scolastico a 18 anni?

Pare di sì, secondo la Voce.info, perché “i benefici dell’istruzione non ricadono solo su chi effettua l’investimento ma si ripercuotono sulla società nel suo complesso a causa del loro impatto sulle finanze pubbliche (aumentano le entrate e riducono la spesa sociale), sulle prospettive di crescita, sulla criminalità, sulla partecipazione politica e anche sugli atteggiamenti verso minoranze e immigrati”.

Icotea

 

{loadposition carta-docente}

 

Studi seri, scrive Lavoce.info, dimostrano che l’estensione dell’obbligo scolastico tende ad accrescere il livello medio di istruzione della popolazione, anche se “l’allungamento dell’obbligo scolastico comporta dei costi: a parità di rapporto tra studenti e docenti, aumenta la domanda di docenti e di strutture scolastiche. Per generare benefici, un aumento dell’obbligo deve poter incidere sulle effettive competenze acquisite dagli studenti, e possibilmente migliorare la transizione scuola-lavoro” e una migliore “offerta pre-scolare può ridurre l’abbandono scolastico non subito, ma tra 10-15 anni. Non sono da trascurare poi i benefici più immediati in termini di maggiore tasso di partecipazione femminile in una società che invecchia rapidamente”.

“Accrescere l’obbligo scolastico può rappresentare un messaggio importante e avere un valore simbolico. Esso però contribuirà a formare gli individui altamente qualificati, creativi e flessibili che i nuovi sistemi produttivi richiedono solo se il tempo speso a scuola sarà davvero utile a questo scopo e ciò dipende da una quantità di fattori tra cui spiccano la motivazione e la qualità dei docenti”.