Home Attualità Più italiano e maggiore dignità alla geografia: proposta per il biennio di...

Più italiano e maggiore dignità alla geografia: proposta per il biennio di scuola superiore

CONDIVIDI

In seguito all’iniziativa lanciata da questa testata per Dillo al Ministro, la Tecnica della Scuola ha mantenuto la promessa ed ha intervistato il ministro Fioramonti per parlare di alcuni dei temi caldi suggeriti dai nostri lettori. Ovviamente le richieste e le proposte non si esauriscono ed ogni giorno sui nostri canali riceviamo riflessioni che meritano di essere portati allo scoperto.

Un’ora in più di italiano: i ragazzi ne hanno bisogno dopo le scuole medie

Oggi ne proponiamo una che arriva da un docente di scuola superiore. Si tratta di una riflessione sui quadri orario del biennio nella scuola secondaria di secondo grado.

“Gentile Ministro, abbia il coraggio di rimettere mano ai quadri orario del primo biennio delle superiori, stravolti dalla riforma Gelmini. Ci lamentiamo tutti perché i nostri giovani, in arrivo dalle Medie, conoscono poco l’Italiano e poi, nell’indifferenza generale, è stata soppressa un’ora di Italiano nel biennio. Un’ora di lezione in più preziosa: a ciò si aggiunga l’aggravio di lavoro, soprattutto nelle seconde, con la preparazione INVALSI e l’anticipo della storia letteraria. E poi si restituisca dignità alla Geografia: si ritorni alle due ore, come un tempo, con un programma autonomo e soprattutto una valutazione autonoma. Questo è uno dei modi concreti per evitare di lamentarci della troppa ignoranza in materia geografica, che è purtroppo assai evidente. Abbia questo coraggio, signor Ministro! Via i quadri orario di chi vuole ridurre surrettiziamente conoscenze e competenze in nome del “risparmio”!

ICOTEA_19_dentro articolo

Come funziona “Dillo al ministro Fioramonti”

Per far sentire la propria voce la Tecnica della Scuola ha aperto un gruppo Facebook dove esprimere il proprio pensiero(CLICCA QUI PER PARTECIPARE).

Per partecipare alla nostra iniziativa e far sapere le priorità e le vostre idee per la scuola italiana, potete anche scrivere a [email protected].

Le vostre proposte saranno pubblicate anche sul nostro sito.