Home Attualità Polemica su sussidiario della scuola primaria, interviene la Fedeli

Polemica su sussidiario della scuola primaria, interviene la Fedeli

CONDIVIDI

Bufera sul sussidiario per le quinte elementari scritto da Berardi, Giorgi e Rubaudo per l’editore Il Capitello.

Un capitoletto, dieci righe con alcune parole chiave in rosso e neretto per spiegare ai bambini delle elementari che cosa è e che conseguenze ha il fenomeno dell’immigrazione in Italia.

Icotea

Ecco il testo del capitolo incriminato: “E’ aumentata la presenza di stranieri provenienti soprattutto dai paesi asiatici e dal Nordafrica. Molti vengono accolti nei centri di assistenza per i profughi e sono clandestini, cioè la loro permanenza in Italia non è autorizzata dalla legge. Nelle nostre città gli immigrati vivono spesso in condizioni precarie: non trovano un lavoro, seppure umile e pesante, né case dignitose. Perciò la loro integrazione è difficile: per motivi economici e sociali, i residenti talvolta li considerano una minaccia per il proprio benessere e manifestano intolleranza nei loro confronti“.

“Questi libri sono stati adottati per formare i cittadini di domani all’intolleranza. Chi ha scelto questo testo?”, scrive l’ex sindaco di Lampedusa e componente della direzione nazionale del Pd Giusi Nicolini, rivolgendosi al ministro della pubblica istruzione Valeria Fedeli.

CONTINUA ALLA PAGINA SUCCESSIVA