Home Generale Precari scuola, stabilizzati co.co.co dalla legge di Bilancio

Precari scuola, stabilizzati co.co.co dalla legge di Bilancio

CONDIVIDI
webaccademia 2020

La legge di bilancio stabilizzerà 950 precari scuola, ovvero lavoratori co.co.co che svolgono da anni funzioni ausiliari e tecnico – amministrative nelle scuole, in larga parte siciliane.

In realtà, l’emendamento, presentato da dal parlamentare Franco Ribaudo e sostenuto dai deputati di governo siciliani, era finito nel dimenticatoio in Senato ma è riapparso alla Camera, nell’ambito di un maxiemendamento.
Soddisfatti il segretario generale Cgil Sicilia, Michele Pagliaro e il coordinatore regionale del Nidil, Giuseppe Oliva “grazie alle pressioni del sindacato- osservano Pagliaro e Oliva-  e soprattutto dopo le manifestazioni del Nidil Cgil nelle piazze di Siracusa e Palermo e il sit del 13 dicembre a piazza Montecitorio”.

“Abbiamo fatto presente durante un incontro al Mef – aggiungono i due sindacalisti – che la stabilizzazione non avrebbe aumentato i costi del ministero, perché i co.co.co. Ata sono già inseriti nei costi della gestione del personale del Miur”.
“La battaglia è stata dura-  proseguono i sindacalisti “serrata la discussione in Parlamento ma alla fine è prevalso il buon senso del governo. Dopo vent’anni di precariato le collaboratrici e i collaboratori della scuola assimilati Ata raggiungono così l’agognata stabilizzazione del rapporto di lavoro”.

ICOTEA_19_dentro articolo

La maggiore concentrazione di co.co.co della scuola è in Sicilia, dove grazie alla manovra saranno stabilizzati 450 lavoratori, 200 solo a Palermo.

Ancora non si conoscono i dettagli di tale operazione, ma, in attesa di conferme, si parla di stabilizzare i lavoratori ATA nelle scuole con contratti part time.
Ad ogni modo, i tempi della stabilizzazione si conosceranno nelle prime settimane del 2018, quando la nuova legge di Bilancio avrà preso forma compiuta.

Preparazione concorso ordinario inglese