Home Politica scolastica Precisazione del Conitp su sentenza Corte di Giustizia Europea

Precisazione del Conitp su sentenza Corte di Giustizia Europea

CONDIVIDI

Il Conitp esprime la propria soddisfazione per la grande vittoria ottenuta con la sentenza della corte Europea a sostegno dei precari e contro l’abuso in successione dei contratti a termine. Dopo la sentenza diversi soggetti, come si legge dai vari siti, si attribuiscono la paternità per questa sentenza, ma in realtà, il ricorso alla corte Europea è arrivato grazie ai ricorsi e alle continue battaglie del Conitp.

Nei fatti il tribunale del lavoro di Roma, giudice Centofanti, rinviò alla corte di giustizia Italiana i ricorsi promossi dal Conitp, la quale, corte, visto la competenza Europea, con pregiudiziale ha sospeso il processo e ha inviato alla corte di giustizia Europea i ricorsi promossi dal sindacato per una valutazione definitiva provvedimento iscritto nel registro della corte 940984 del 24/07/2013 R.O. nn 143,144,248,/2012 proposto dalla Corte Italiana – 942710IT del 27/08/2013 pregiudiziale C418/13.

Icotea

Pertanto il percorso in tutela dei precari è iniziato grazie al Conitp, l’unico sindacato che ha discusso alla corte di giustizia Italiana i ricorsi per la stabilizzazione del personale docente e ATA (unico sindacato che ha portato anche il problema degli ATA alla Corte Europa) che ha poi rinviato tutto alla corte Europea. Successivamente, dopo i ricorsi Conitp arrivati alla corte Europea, si sono collegate altre cause provenienti da altri tribunali.

La testimonianza della paternità dei ricorsi da attribuire al Conitp è sui dati riportati dalla sentenza , infatti , si può notare che i ricorrenti Perrella Salvatore, Romano Gaetano, Napolitano Carla etc. oltre ad essere assistiti dal Conitp sono anche delegati del sindacato, inoltre i legali che hanno portato avanti questa Battaglia sono: l’avvocato Domenico Balbi e l’avv. Antonio Coppola, legale rappresentante del sindacato Conitp.

Il Governo, temendo le conseguenze della sentenza, è già corso ai ripari con un l piano che ha previsto l’ assunzione di tutti i docenti inseriti nelle Gae (150mila), principio ribadito nel disegno di legge di stabilità 2015. Eppure rimangono esclusi i docenti che sono abilitati ma non inclusi nelle Gae e il personale ATA per i quali il Conitp è pronto a diffidare il Ministero e a ricorrere presso i competenti tribunali.