Home Alunni Programma speciale per l’Istruzione e la Formazione negli Istituti Penitenziari

Programma speciale per l’Istruzione e la Formazione negli Istituti Penitenziari

CONDIVIDI

Per il raggiungimento degli obiettivi di promozione dell’integrazione e di pari opportunità nei percorsi scolastici all’interno delle strutture penitenziarie italiane, quale elemento fondamentale del trattamento dei condannati ed internatiil Ministero dell’Istruzione e il Ministero della Giustizia decidono di avviare una collaborazione organica e articolata attraverso un “Programma speciale per l’Istruzione e la Formazione negli Istituti Penitenziari”, di cui il Protocollo costituisce la prima attuazione.
Per la realizzazione di iniziative per specifiche aree di intervento, anche a carattere sperimentale, le parti valuteranno, di volta in volta e concordemente, l’opportunità di stipulare accordi e di individuare forme di collaborazione con altri soggetti Istituzionali, avuto riguardo alle diverse competenze ed ai differenti ruoli degli stessi. A tal riguardo il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca si impegna a:

a) dare comunicazione dei contenuti del presente protocollo agli Uffici Scolastici Regionali, e per il loro tramite alle istituzioni scolastiche interessate;

Icotea

b) sostenere e diffondere le suddette attività nel prossimo triennio, a partire dall’anno scolastico 2012/2013, avviando i relativi processi di progettazione, coordinamento e monitoraggio;

c) arricchire le mediateche esistenti presso gli istituti penitenziari italiani, anche attraverso la stipula di opportune convenzioni con le Case Editrici che aderiranno al Programma;

d) porre a disposizione del Programma le somme derivanti da intese ed accordi specifici già sottoscritti con altri Ministeri e attinenti al tema specifico;

e) adeguare la disciplina regolamentare e di normazione secondaria dell’organizzazione scolastica in coerenza con gli scopi del presente Protocollo, con l’obiettivo di introdurre disposizioni che riducano le attuali rigidità ordinamentali e procedurali.