Home Archivio storico 1998-2013 Generico Prorogati i termini per la presentazione della dichiarazione dei servizi

Prorogati i termini per la presentazione della dichiarazione dei servizi

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Lo slittamento è prescritto dalla nota ministeriale, prot. n. 981 del 9 dicembre 1999 e, pertanto, è già in vigore a partire da tale data.
Secondo quanto si legge nel documento, "la conferma o integrazione di quanto dichiarato precedentemente costituisce una facoltà concessa dall’art. 3 del D.P.R. 28/4/98, n. 351, regolamento sul trattamento di quiescenza del personale della scuola, di tale dichiarazione il personale può avvalersi ai fini della valutazione dei servizi e periodi per la pensione entro il termine fissato dallo stesso regolamento (11/12/99)". Tuttavia, avvalendosi di una  facoltà concessa dalla legge, il Ministero, "in considerazione dell’elevato numero di persone interessate, dell’ampia varietà di posizioni individuali, della non sempre facile compilazione dei quadri della dichiarazione," ha avviato la procedura "per una modifica del citato D.P.R. 351/98, inerente la proroga di un anno del suddetto termine dell’11/12/99, che le SS.LL. (i provveditorati e le istituzioni scolastiche, N.d.a) vorranno tener presente sin da ora".

Il provvedimento, pur nel rispetto della necessità di semplificare i procedimenti relativi all’utilizzazione e alla mobilità del personale, al trattamento economico di servizio, alla definizione delle pensioni e del trattamento di fine rapporto (Tfr), raccoglie le doglianze unanimi espresse da parte delle organizzazioni di categoria, che avevano fatto presente le difficoltà incontrate dal personale nella compilazione dei modelli. La presentazione delle dichiarazioni slitta, quindi, all’11 dicembre 2000.

Preparazione concorso ordinario inglese