Home I lettori ci scrivono Proteste per il concorso abilitati 2018

Proteste per il concorso abilitati 2018

CONDIVIDI

A scrivere è un gruppo di docenti che hanno partecipato al Concorso Abilitati 2018 (DDG 01 febbraio 2018 n. 85 per il reclutamento a tempo indeterminato di personale docente nella scuola secondaria di primo e secondo grado) che desidera portare all’attenzione di tutti la deprecabile situazione di ingiustizia
perpetrata nei nostri confronti e, di conseguenza, nei confronti di studenti e famiglie, nonché di un’istituzione che, in questo modo, continua a perdere credibilità e autorevolezza.
Stando a quanto stabilito dal DM n. 631 pubblicato il 25.09.2018, infatti, «[..] gli aspiranti utilmente collocati a pieno titolo nelle graduatorie di merito del concorso bandito con DDG 01 febbraio 2018 n. 85 approvate entro il termine del 31.12.2018 e in posizione utile rispetto ai posti residuati dalle operazioni di immissione in ruolo, effettuano la scelta degli ambiti territoriali secondo quanto prescritto dall’art. 7, co. 5 del decreto legislativo 13 aprile 2017 n. 59 con decorrenza giuridica ed economica dall’anno 2019/2020».
Nella pratica, tuttavia, si verifica l’assurdo caso per cui, pur a parità di decorrenza giuridica ed economica dell’assunzione in ruolo di tutti i candidati compresi in posizioni utili, quindi dal 01.09.2019, ai concorrenti inseriti nelle posizioni più alte in graduatoria non è stata data la possibilità di scegliere anche tra i posti resi vacanti e disponibili in base al nuovo contingente, a differenza di quei colleghi che, da posizioni subordinate, hanno invece potuto usufruire de i vantaggi di tale possibilità di scelta.
Consideriamo questo grave attacco alla meritocrazia e ai valori cui noi docenti siamo chiamati in primis a credere e poi a insegnare. Inoltre, non crediamo utile a nessuno creare un contingente di professionisti impossibilitati a garantire quella continuità didattica che, pur a ragione, la Scuola dichiara tra i suoi principali obiettivi.
Mossi da queste premesse, abbiamo creato una petizione on-line indirizzata al Ministro Bussetti.
Noi crediamo in una scuola più giusta e meritocratica.

Concorso Abilitati Arrabbiati 2018

CONDIVIDI