Home Generale Protocollo d’intesa tra MIUR e ATENA (Associazione di Tecnica Navale)

Protocollo d’intesa tra MIUR e ATENA (Associazione di Tecnica Navale)

CONDIVIDI
  • Credion

Il MIUR e l’ATENA (Associazione di Tecnica Navale), ciascuno nell’ambito delle proprie competenze e responsabilità e nel rispetto dei principi e delle scelte di autonomia scolastica, con un Protocollo d’intesa intendono promuovere la collaborazione, il raccordo ed il confronto tra il sistema educativo di istruzione e formazione e il sistema delle imprese, al fine di:

favorire lo sviluppo delle competenze degli studenti nel settore di riferimento;

Icotea

coniugare le finalità educative del sistema dell’istruzione e istruzione e formazione professionale in raccordo con le esigenze del mondo produttivo del settore, nella prospettiva di una maggiore integrazione tra scuola e lavoro.

A tal riguardo il MIUR e l’ATENA si impegnano a:

1. definire iniziative e attività, anche a livello territoriale, per la realizzazione di tirocini formativi in aziende ed imprese del settore;

2. proporre l’attivazione di esperienze di alternanza scuola-lavoro attraverso il raccordo tra le imprese associate e le Istituzioni scolastiche;

3. attivare iniziative di informazione rivolte agli studenti e ai docenti delle Istituzioni scolastiche del settore al fine di rendere i percorsi formativi quanto più connessi alle mutevoli esigenze del mercato del lavoro;

4. concordare l’organizzazione di attività di orientamento a livello territoriale:

– per gli studenti delle scuole medie inferiori, al fine di presentare l’offerta formativa degli Istituti Tecnici con particolare riferimento all’ indirizzo Trasporti e Logistica – articolazione Conduzione del mezzo – Opzioni “Conduzione del mezzo navale” (CMN) e “Conduzione apparati e impianti marittimi” (CAIM);

– per gli studenti dell’ultimo anno delle scuole superiori, quale orientamento in uscita e avvicinamento alle prospettive occupazionali offerte dal territorio;

5. formulare proposte congiunte per favorire la programmazione, da parte delle Istituzioni scolastiche, nell’ambito della flessibilità organizzativa e gestionale derivante dall’autonomia, di specifiche attività volte ad integrare l’offerta formativa, elaborando, ad esempio, unità formati.