Home Personale Regionalizzazione, previsti 150-200 euro in più per docenti e Ata

Regionalizzazione, previsti 150-200 euro in più per docenti e Ata

CONDIVIDI

La scuola italiana cambierà volto. Almeno così si legge nelle bozze delle intese tra Stato e Regioni, perfezionate a maggio scorso e tenute nascoste fino a ieri.

Così come segnala Roars, Lombardia e Veneto, a differenza dell’Emilia Romagna, chiedono il totale controllo dell’istruzione regionale. Ciò significa personale scolastico alle dipendenze delle due regioni con gestione delle attività formative del personale, gestione dell’apprendistato, programmazione dell’offerta formativa, disciplina degli organi collegiali.

In Veneto, ad esempio, potrà nascere una “pagella regionale” con materie
ispirate “dal contesto”.  Resta nei poteri dello Stato l’Alternanza scuola lavoro, mentre passerebbero alle regioni le scuole paritarie.

ICOTEA_19_dentro articolo

Sul fronte stipendi lo strumento che garantirà gli aumenti (150-200 euro ai docenti che entreranno nel libro paga della Regione) saranno i “contratti integrativi regionali”. Varranno anche per presidi, dirigenti amministrativi e collaboratori scolastici.

Le bozze complete

Bozza Veneto (clicca qui)

Bozza Lombardia (clicca qui)

Bozza Emilia Romagna (clicca qui)

Le parti che si riferiscono alla scuola

Bozza Lombardia scuola (clicca qui)

Bozza Veneto scuola (clicca qui)

Bozza Emilia Romagna scuola (clicca qui)

Leggi anche

Regionalizzazione, il via libera di Bussetti: “Si farà, convincerò i sindacati”
Regionalizzazione, il Friuli batte tutti: così sarà la scuola secessionista. I dettagli
La regionalizzazione della scuola uguale alla disintegrazione dell’Italia e dell’istruzione?
Regionalizzazione scuola, parte una petizione per dire no