Home Attualità Regionalizzazione ok senza scuola, Turi (Uil Scuola): ha prevalso il buon senso

Regionalizzazione ok senza scuola, Turi (Uil Scuola): ha prevalso il buon senso

CONDIVIDI

La nostra battaglia contro ogni ipotesi di regionalizzazione ha avuto, nel pomeriggio, un primo riscontro positivo.

L’esclusione della scuola dalla regionalizzazione – sottolinea il segretario generale della Uil Scuola, Pino Turi – è stata confermata, dallo stesso Premier Conte, dopo il vertice di Governo.

Il buon senso ha prevalso – commenta Turi, in viaggio verso Bangkok per partecipare all’8° Congresso mondiale dell’Internazionale dell’Educazione.

ICOTEA_19_dentro articolo

Un risultato, per nulla scontato, per il quale ci siamo impegnati dall’anno scorso, già alla vigilia dei referendum di Lombardia e Veneto , convinti che la scuola è una funzione fondamentale dello Stato, sulla quale si basa l’identità del Paese e non ammette nessuna devoluzione.

Abbiamo impegnato il personale della scuola, abbiamo coinvolto i cittadini raccogliendo le firme nelle città, abbiamo difeso in ogni sede il valore costituzionale del nostro sistema scolastico, abbiamo negoziato fino a chiudere, ad aprile, a Palazzo Chigi, con il Premier Conte, il ministro Bussetti e il sottosegretario Giuliano, un accordo che oggi sta portando i suoi frutti.

Possiamo dire con serietà, che non ci siamo risparmiati su questo tema cruciale – aggiunge Turi. L’amministrazione e il ministro stanno mantendo gli impegni. Adesso ci attediamo che questo brutto sogno finisca e che sulla scuola non ci siano più tentativi di divisione, né classifiche, né primi e ultimi.

LEGGI ANCHE:

Regionalizzazione, Conte: “L’istruzione è fondamentale e non può essere frammentata”

Regionalizzazione, Gissi (CISL Scuola): se scuola è esclusa è un’ottima notizia

Regionalizzazione, Sinopoli (FLC CGIL): la mobilità deve essere esclusa

Regionalizzazione, trovato l’accordo ma sulla Scuola vince il M5S: il sistema d’Istruzione resta unitario

Regionalizzazione, si sa cosa significa autonomia? Perché averne tanta paura?