Home Precari Religione cattolica, in arrivo un concorso riservato per chi ha tre anni...

Religione cattolica, in arrivo un concorso riservato per chi ha tre anni di servizio

CONDIVIDI

E’ stato presentato un provvedimento allo studio dei tecnici della Lega, fortemente voluto dal presidente della VII commissione del senato, Mario Pittoni, che a breve dovrebbe essere depositato, in merito alle procedure concorsuali per il reclutamento degli insegnanti di religione cattolica. In base a tale provvedimento, ci sarebbe il via libera per i precari che hanno alle spalle almeno 36 mesi di servizio.

Concorso riservato per i precari con 3 anni di servizio

La risoluzione in Commissione Cultura, presentata dall’onorevole Flora Frate lo scorso 7 novembre, interviene proprio su questo fronte, sottolineando come la legge 107/2015 abbia escluso gli isnegnanti di religione dalla stabilizzazione.

“Una situazione grave ed incresciosa – si legge sul provvedimento – se si pensa che, su un totale di circa 25mila docenti, oltre 15mila sono assunti all`inizio di ogni anno scolastico con un contratto a tempo determinato. Si tratta di diverse migliaia di docenti: una parte di essi (con il triste primato di oltre 25 anni di servizio precario), pur avendo superato il concorso del 2004, non è stata immessa in ruolo; gli altri, anch’essi con più di 36 mesi di servizio, hanno svolto per la maggior parte un incarico a tempo
determinato da oltre 15 anni”.

ICOTEA_19_dentro articolo

Da qui la proposta, che dovrebbe essere ufficializzata a breve, di procedere ad un concorso riservato per i precari con 36 mesi di servizio alle spalle.

In questo modo, le assunzioni saranno divise per il 50% ai vincitori di concorsi ordinari, scrive Italia Oggi, ed il 50% restante dalla graduatoria del concorso riservato.

I vincitori del concorso 2004

Ad avere la precedenza, tuttavia, sul primo 50%, saranno i docenti di religione in graduatoria dall’ultimo concorso del 2004, che da allora sono rimasti precari. A seguire i futuri vincitori dei concorsi ordinari.

In questo modo, dovrebbe risolversi la questione degli idonei del concorso 2004, i quali avrebbero potuto trovare stabilizzazione già nel 2013, ma che per un mero errore tecnico restarono fuori dai giochi.