Home Attualità Renzi intervista Sofri a Pescara, l’Usr agli studenti: chi partecipa avrà un...

Renzi intervista Sofri a Pescara, l’Usr agli studenti: chi partecipa avrà un credito! Proteste

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Forza ragazzi, partecipate all’intervista pubblica del premier a Pescara: potrete metterlo nel vostro curriculum scolastico.

E anche provare a presentare l’attestato di partecipazione per ottenere, se il vostro istituto lo riterrà opportuno, un credito scolastico.

ICOTEA_19_dentro articolo

Ha destato polemiche e proteste il senso del messaggio prodotto, attraverso una circolare inviata agli istituti, dall’Ufficio scolastico regionale dell’Abruzzo in occasione della visita di Matteo Renzi, il 10 novembre all’inaugurazione del Festival delle Letterature a Pescara.

La notizia, ripresa dalla nostra testata giornalistica, ma anche dal Corriere della Sera, si prevede, peraltro, dal contenuto “poco letterario e molto politico perché consiste in un’intervista pubblica al premier di Luca Sofri al teatro Circus”.

Per l’Usr Abruzzo, però, continua a scrivere il quotidiano nazionale, Renzi avrebbe partecipato ad una  “manifestazione che rappresenta un contesto culturale attivo di scambi di idee e conoscenza: per tali motivi, ha continuato l’Ufficio scolastico, si vorrebbe “una loro ampia partecipazione”, preannunciando che “in considerazione dell’impegno in orario extracurricolare ai partecipanti verrà rilasciato un attestato di presenza”.

Alcune scuole, come l’Istituto tecnico Tino Acerbo di Pescara, hanno pubblicato l’invito dell’Ufficio Regionale sul proprio sito internet. 

Il 10 novembre, tuttavia, la dirigente scolastica dell’istituto, Annateresa Rocchi, ha tenuto a specificare, sullo stesso sito internet istituzionale:“leg­go con gran­de me­ra­vi­glia sul quo­ti­dia­no on-line “Pri­ma da noi” che la sot­to­scrit­ta Di­ri­gen­te Sco­la­sti­ca del­l’I­sti­tu­to Tec­ni­co “Tito Acer­bo” avreb­be in­vi­ta­to i suoi alun­ni a par­te­ci­pa­re al Fe­sti­val del­le let­te­ra­tu­re FLA che sarà oggi inau­gu­ra­to dal Pre­si­den­te Ren­zi.

{loadposition eb-inclusione-personaliz}

 

Ci ten­go a pre­ci­sa­re che ho sol­tan­to fat­to pub­bli­ca­re l’in­vi­to del­l’uf­fi­cio sco­la­sti­co re­gio­na­le sul no­stro sito uf­fi­cia­le, dove pub­bli­chia­mo tut­ti gli in­vi­ti, gli av­vi­si e le cir­co­la­ri che ci per­ven­go­no dal­l’e­ster­no, come ri­chie­sto dal­la nor­ma­ti­va che im­po­ne – ha sottolineato la ds – la pub­bli­ca­zio­ne di tut­te le co­mu­ni­ca­zio­ni uf­fi­cia­li in­ter­ne ester­ne sul sito go­ver­na­ti­vo”.

Intanto, il direttore Ernesto Pellecchia – scrive ancora il Corriere della Sera – ha avviato accertamenti per capire chi ha inviato la comunicazione ma soprattutto sul perché si sia pensato di fare riferimento all’attestato di partecipazione. E prende le distanze dalla circolare: “non ricordo di aver firmato io questo documento, deve essere stata una svista. Ritengo molto strano che si possa dare un attestato per questo tipo di iniziative, non ne ricorrono le condizioni”, spiega al telefono al cronista, proprio mentre sta raggiungendo Pescara.

Anche Sabrina Saccomanni, la dirigente che si è occupata della vicenda, spiega che “è un passaggio infelice di una mail organizzativa che non doveva essere pubblicata”.

Intanto, però, il coro di proteste si è alzato. Con tanti genitori indignati per l’accaduto.

 

{loadposition eb-guida-dirigente}

 

 

{loadposition facebook}

Preparazione concorso ordinario inglese