Home Personale Restituire dignità ai prof? Bisogna cancellare il “decreto Brunetta”

Restituire dignità ai prof? Bisogna cancellare il “decreto Brunetta”

CONDIVIDI

Da qualche giorno il nuovo Presidente del Consiglio Matteo Renzi ripete, tra un discorso alla Camera e uno al Senato, che bisogna restituire dignità al ruolo dell’insegnante.
Se è vero questo proposito, che insistentemente riecheggia nelle prime pagine di tutte le testate giornalistiche nazionali, cosa potrebbe fare d’immediato il premier per dare seguito a questo auspicio?
Una cosa fattibile e a costo zero che andrebbe nella direzione tanto decantata dallo stesso Renzi è quella di eliminare il decreto Brunetta nella parte che invade i patti contrattuali.
La dignità professionale dei docenti si restituisce anche restituendo valore ai diritti contrattuali degli stessi insegnanti, sia a livello di contratto collettivo nazionale e sia a livello di contrattazione d’Istituto.
È assolutamente necessario, così come chiedono da tempo le organzzazioni sindacali (Flc-Cgil in testa), rinnovare il contratto nazionale della scuola e rendere esigibile la contrattazione decentrata cancellando il “decreto Brunetta”.
Ma è anche necessario abbattere quella barriera assurda che divide la professione docenti in docenti di ruolo e docenti precari. Un’assurdità da Paese incivile, quella di considerare le norme contrattuali dei precari della scuola diversamente da quelle dei docenti assunti a tempo indeterminato. Restituendo dignità giuridica ed economica agli insegnanti precari, si restituisce dignità all’intera categoria dei docenti. Con trasparenza e decisione, bisognerebbe fare chiarezza, e questo potrebbe essere fatto dal governo Renzi senza aumenti di spesa, su quali materie sono di reale competenza contrattuale e quali invece attengono dell´amministrazione e ai dirigenti scolastici.
In buona sostanza il prossimo rinnovo contrattuale della scuola, potrebbe rappresentare un volano per restituire dignità ai prof, riformando e limitando l’invasione voluta con il decreto Brunetta. Ridare la dignità perduta al ruolo dell’insegnante, significa anche dire basta alla doppia penalizzazione per il blocco della contrattazione nazionale e degli scatti di anzianità, unica forma di progressione finora prevista per i docenti. Bisogna sapere che i patti contrattuali attualmente vigenti hanno anche lo scopo di limitare alcune prerogative dirigenziali, soprattutto per quanto attiene l’organizzazione del lavoro e la funzione docente, in modo da dare forza equilibrante tra la funzione dirigenziale e quella docente.
Con l’applicazione selvaggia del decreto n.150/2009, la dignità della funzione docente è stata messa sotto i tacchi e i patti contrattuali sono diventati meno della carta straccia. Con l’avvento del decreto Brunetta il ruolo docente ha totalmente perso il suo carisma, la sua autorevolezza anche al giudizio di famiglie e studenti, mentre in modo proporzionale è aumentato fortemente il prestigio e l’autorevolezza della figura del dirigente scolastico. Se Matteo Renzi vuole realmente restituire ai docenti il ruolo sociale che meritano, deve eliminare quel “mostro legislativo” voluto da chi considerava i professori degli inguaribili ed inutili fannulloni.

CONDIVIDI