Home Attualità Riapertura scuole, Brusaferro: “A scuola a settembre? Presto per dirlo”

Riapertura scuole, Brusaferro: “A scuola a settembre? Presto per dirlo”

CONDIVIDI
  • Credion

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha annunciato ieri, in conferenza stampa, che l’anno scolastico in classe è concluso. Si finirà l’anno con la didattica a distanza. Si lavora per far ripartire le attività in aula a settembre. A La Repubblica interviene Silvio Brusaferro, presidente dell’Istituto Superiore di Sanità: “La scuola secondo i nostri modelli adesso rappresenta un rischio significativo rispetto alla circolazione del virus. In una fase delicata come quella che stiamo intraprendendo va fatto un passo alla volta. Qualunque sia la misura che si adotta, all’inizio ci sono delle asincronie, nel senso che non tutto quello che ruota attorno ad un settore è allineato. Bisognerà che le autorità e i datori di lavoro trovino delle forme di flessibilità per superare questo problema delle famiglie. Io qui voglio ricordare che siamo ancora nel periodo epidemico e che viviamo una situazione eccezionale”.

E sui bambini afferma: “Sono colpiti meno ma comunque i casi ci sono e contribuiscono alla circolazione del virus. Quando parliamo di scuole però non ci riferiamo solo alla presenza fisica di più persone tra le quali adulti come docenti e personale in un luogo confinato, fatto già di per sé pericoloso. Dobbiamo anche considerare quello che gira intorno, gli spostamenti da e per gli istituti di genitori, magari di nonni, e altri. È un po’ il ragionamento che abbiamo fatto sul settore produttivo: non si valuta solo il rischio per la singola attività ma anche quello legato agli spostamenti dei lavoratori, cioè l’impatto in senso ampio”.

Icotea

Riapertura scuole a settembre: “Anche per questo dobbiamo vedere come evolve la circolazione del virus. Stiamo seguendo un modello simile a un puzzle, con tante tessere. Via via che ne inseriamo di nuove va trovato l’equilibrio rispetto al rischio di altri casi, prima di aggiungerne altre. Adesso è presto per dire quale sarà la situazione a settembre”.