Home Alunni Rimane l’unico alunno con 4 maestre a disposizione

Rimane l’unico alunno con 4 maestre a disposizione

CONDIVIDI

In una terza elementare di Nuoro si è verificato ciò che qualcuno ha sempre temuto: tra i banchi è rimasto un solo bambino, con quattro maestre a disposizione che sicuramente non potranno stare tranquille per il loro futuro lavorativo: ma tant’è. Il ragazzetto, pubblica La Stampa, sarebbe la vittima  innocente di un pasticcio burocratico e pedagogico che in questa scuola ha provocato il trasferimento di tutti gli alunni, ma proprio tutti, tranne del nostro.

Ma cosa è successo? Intanto il ragazzino ha otto anni, è  studioso, timido, appassionato di calcio e pieno di amichetti, ma a scuola si è ritrovato a vivere un’esperienza che sta diventando drammatica, proprio per causa della estrema solitudine che è condannato a vivere.

Icotea

Di questa terza elementare, composta originariamente da 15 alunni, faceva parte anche un ragazzino troppo vivace, racconta La Stampa, a cui però, come accade spesso, non gli è stato assegnato un insegnante di sostegno e dopo tante proteste, i genitori degli altri compagni hanno chiesto il trasferimento dei figli. Non così ha pensato il padre del nostro ragazzino, convinto fosse più giusto non isolare quel bambino irrequieto.

LA TECNICA DELLA SCUOLA E’ SOGGETTO ACCREDITATO DAL MIUR PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA E ORGANIZZA CORSI IN CUI È POSSIBILE SPENDERE IL BONUS.

{loadposition bonus}

TUTTE LE NOTIZIE SUL CONCORSO ANCHE SU TELEGRAM!

E così a gennaio in classe si sono ritrovati in 5 ma col tempo il bambino si è ritrovato del tutto solo, ma proprio solo anche perché pure il suo compagnetto “difficile” nel frattempo è stato ritirato dalla scuola.

«Ora anche noi abbiamo chiesto di poterlo trasferire – se la prende il padre – Ma nelle altre scuole non abbiamo trovato posto. La possibilità ci sarebbe in un solo istituto, solo che la dirigente è la stessa della scuola attuale e inspiegabilmente non ci consente di spostare il bambino».  

L’istituto intanto pare essersi blindato come una caserma e tutti hanno l’ordine di non far entrare nessuno, neppure i genitori, e alle domande dei giornalisti la dirigente reagisce in malo modo: «Non devo raccontare nulla a nessuno di quello che succede qui dentro. Chiamo subito il 113

I genitori del bambino fra l’altro non si sono arresi e si sarebbero già rivolti a un legale che ha subito chiesto l’intervento della Direzione scolastica regionale: «Questa situazione sta turbando il bambino – dice il legale – Non capiamo perché la scuola si ostini a non voler trovare una soluzione ragionevole. Una norma specifica impone che le classi siano composte da almeno 15 studenti».