Home Alunni Scuole aperte? Tre studenti su quattro sarebbero d’accordo

Scuole aperte? Tre studenti su quattro sarebbero d’accordo

CONDIVIDI
  • Credion

“Istituti aperti durante l’estate, per i ragazzi che restano a casa e che, inevitabilmente, finiscono a passare le giornate per strada. I ragazzi dei quartieri più disagiati di Milano, Roma, Napoli e Palermo. Un investimento da 10 milioni di euro”: lo ha detto come è noto la ministra Giannini. E “se il progetto che sperimenteremo quest’estate andrà bene, una volta avviata la rete si potrà pensare anche al giorno di festa”, ha concluso il ministro.

Ma cosa ne pensano gli studenti?

Icotea

 

LA TECNICA DELLA SCUOLA E’ SOGGETTO ACCREDITATO DAL MIUR PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA E ORGANIZZA CORSI IN CUI È POSSIBILE SPENDERE IL BONUS.

{loadposition bonus}

 

Secondo un sondaggio ripreso da TgCom24, che ha riguardato 2.200 scolari di medie e superiori, sarebbero favorevoli 3 studenti su 4. La metà di questi per svolgere attività tipo corsi di recupero o studio di gruppo/assistito. I restanti invece abolirebbero compiti e affini ma gradirebbero attività del tutto avulse dalla didattica ordinaria, quali corsi di teatro, sport e via dicendo. In merito alle aperture estive delle scuole, è difficile prevedere un consenso per attività che non abbiano un forte carattere ludico o comunque ricreativo: gli stessi studenti, riporta sempre TgCom24,  avevano bocciato al 90% la proposta del ministro Poletti sulla riduzione delle vacanze estive a favore di esperienze di alternanza scuola lavoro.

C’è da dire che il Governo sembra aver preso sul serio i desiderata degli studenti. Infatti le altre priorità indicate da loro – nell’ordine digitalizzazione, alternanza scuola lavoro, edilizia scolastica – sarebbero temi su cui si sta lavorando.