Home Alunni Scuole Marche, possibile rientro superiori il 25 gennaio se indice Rt resta...

Scuole Marche, possibile rientro superiori il 25 gennaio se indice Rt resta inferiore a 1

CONDIVIDI
  • Credion

“Un pacchetto di misure per rientro a scuola in sicurezza, anche prima del 31 gennaio se la situazione in relazione alla pandemia lo permetterà”.

Lo ha annunciato il presidente della Regione Marche, Francesco Acquaroli, nel corso di una conferenza stampa insieme agli assessori all’Istruzione, ai Lavori Pubblici e alla Sanità, convocata per illustrare gli interventi destinati alla scuola e finanziati dalla giunta con 5 milioni di euro per sanificare gli ambienti e migliorare l’areazione di ogni scuola di ordine e grado e con 2 milioni per garantire la strumentazione tecnologica necessaria nei giorni di Dad.

Icotea

A questi provvedimenti si aggiunge la possibilità di tamponi gratuiti senza prenotazione per tutti gli studenti, i docenti e il personale scolastico.

Possibile rientro anticipato

Le Marche è tra le Regioni che ha deciso di spostare al 1° febbraio il rientro in presenza per le scuole superiori.

Ma il presidente Acquaroli si sbilancia e ipotizza un rientro anticipato: “Se l’indice Rt rimarrà inferiore a 1 e non si alzerà la curva dei casi asintomatici e sintomatici, lunedì prossimo, 25 gennaio, potremo riaprire le scuole per lezioni in presenza al 50% senza aspettare il 31 gennaio, evenienza già prevista nell’ultima ordinanza firmata. Già da giorni stiamo valutando questa eventualità, quando il numero assoluto dei contagi e dei positivi sintomatici e asintomatici giornalieri che ci aveva tanto allarmato ad inizio anno, ha ricominciato a scendere in modo evidente. In questi giorni incontreremo il mondo della scuola e l’auspicio è quello di poter restituire al più presto ai nostri ragazzi e alle famiglie la normalità e la socialità”.

Un piano per l’aerazione delle aule

Non mancano le critiche al Governo: “C’è una grande collaborazione da parte di tutta la giunta – ha sottolineato l’assessore all’istruzione Latini – a favore della scuola. Di fronte alla mancata visione delle priorità a livello nazionale ci siamo messi al lavoro sin da subito per dare risposte concrete. Tramite il Fondo Sociale Europeo abbiamo recuperato 3 milioni per acquistare gli impianti di purificazione tecnologicamente avanzati per la sanificazione delle aule per la sicurezza dei nostri studenti, che si aggiungono ai 2 milioni già a bilancio per il sostegno delle famiglie nell’acquisto di strumentazione tecnologica utile alla didattica a distanza. Siamo la prima Regione in Italia a mettere in campo un piano organico per intervenire concretamente sull’areazione dei locali scolastici”.

La scuola – ha proseguito l’assessore ai lavori pubblici Baldelli – ci sta molto a cuore e vogliamo che gli studenti possano frequentarla nella massima sicurezza. Non avendo purtroppo ricevuto alcun concreto supporto dal governo nazionale e dal Ministero competente in materia, al di là di soluzioni discutibili come quella dei banchi a rotelle, stiamo recuperando 2 milioni di euro dal bilancio per finanziare un bando rivolto a Comuni e Province affinché dotino gli edifici scolastici di impianti di ventilazione meccanica controllata. Una tecnologia in grado di ridurre quasi totalmente le particelle infette nell’aria e di garantire la salubrità degli ambienti senza bisogno di aprire le finestre in pieno inverno. Si tratta di interventi utili, non solo oggi come contrasto al Covid, ma anche in futuro contro i virus influenzali e, più in generale, per l’efficientamento energetico e il miglioramento della vivibilità delle nostre strutture scolastiche”.

Screening per personale e studenti

L’assessore alla Sanità Saltamartini ha infine annunciato “che tutti gli studenti, i docenti e il personale scolastico che lo vorranno potranno recarsi senza prenotazione nelle sedi delle Aree vaste in cui lo screening è ancora in corso, anche se in altro Comune rispetto al proprio di residenza”.

Domani saranno comunicati con precisione i punti dove sarà in corso lo screening aperto anche per studenti, docenti e personale. Per orari e sedi controllare i siti dei Comuni o della Regione al link: https://www.regione.marche.it/operazionemarchesicure.