Home Attualità Scuole paritarie sempre più in crisi di iscritti, nuova richiesta di finanziamenti...

Scuole paritarie sempre più in crisi di iscritti, nuova richiesta di finanziamenti pubblici per salvarle: “pilastro” che fa risparmiare lo Stato

CONDIVIDI

Ciclicamente torna a farsi sentire il grido di “dolore” per le scuole paritarie, che soprattutto a livello di scuola dell’infanzia e primaria coprono un ruolo rilevante. Con il Covid, però, è subentrata una crisi generalizzata, con diversi istituti paritari costretti anche a chiudere. Per salvarli, negli ultimi due anni hanno chiesto un sostegno pubblico maggiore diversi politici, appartenenti a partiti di vario genere. Anche perché gli istituti paritari “in vita”, comunque, sono ancora oltre 10mila. E secondo il senatore Udc Antonio De Poli, “le scuole paritarie rappresentano un pilastro della scuola pubblica”, per questo “al governo chiediamo fondi straordinari”.

Il problema, denuncia il senatore Udc, è che “dal 2010 ad oggi i contributi statali sono calati; al contrario le rette aumentano e molte famiglie rinunciano a iscrivere i propri figli. Di riflesso, le scuole sono costrette a chiudere i battenti. L’Esecutivo come intende intervenire?”.

Icotea

A settembre a Padova, solo per fare un esempio, chiuderanno 5 istituti paritari: due in città e altri tre in provincia, a Pontelongo, Arzegrande e Veggiano.

Questo significa, prosegue De Poli, che “150 bambini resteranno senza scuola materna. Nella fascia 0-6, infatti, la scuola statale è inesistente. Ad Albignasego (Padova) ci sono 8 scuole paritarie, una per rione, e neppure una statale”.

“Il paradosso – continua il senatore Udc – è che queste scuole costano allo Stato il 10% di una scuola statale. La domanda che poniamo al Ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi: che senso ha chiudere una scuola che allo Stato costa il 10%? Al Governo chiediamo di prevedere risorse straordinarie per far fronte alle grandi difficoltà che tali istituti stanno affrontando in questi mesi. Sono oltre 12.500 scuole che, da Nord a Sud, fanno risparmiare allo Stato oltre 5 miliardi di euro. Il governo deve tutelarle”, ha concluso De Poli.

Select the widget you want to show.

iscriviti

ISCRIVITI al nostro canale Youtube

METTI MI PIACE alla nostra pagina Facebook