Home Alunni Senza alunni difficili la scuola funzionerebbe meglio (forse), ma la Costituzione dice...

Senza alunni difficili la scuola funzionerebbe meglio (forse), ma la Costituzione dice altro

CONDIVIDI

Che fare se in classe ci sono alunni con difficoltà comportamentali o di apprendimento? Sul tema è intervenuto nelle ultime ore un lettore con una lettera che ha suscitato più di una reazione sulla nostra pagina Facebook.

Fermo restando il fatto che le opinioni e i metodi di insegnamento sono liberi ci sembra però necessario mettere qualche punto fermo per evitare che la “libertà” si trasformi arbitrio o in altro di peggio.
Intanto dovremmo sempre ricordare che ogni dipendente pubblico deve operare all’interno del quadro costituzionale.
L’articolo 3 della nostra Carta dovrebbe essere il punto di partenza anche per la scuola: “È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e la uguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana  e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese”.
L’articolo non dice che chi è in difficoltà può essere “espulso” e non dice neppure  che il Paese può/deve funzionare solo con i migliori.
La scuola ha da essere inclusiva non perché bisogna “essere buoni e affettuosi” ma perché si tratta di rispettare uno dei principi fondamentali della nostra Costituzione.

Icotea

“Una parte del sistema scolastico italiano – commenta in proposito Stefano Stefanel, dirigente scolastico presso il Liceo ‘Marinelli’ di Udine – continua a ritenere che bocciare e disperdere ancora aiuti a migliorare. Siamo però quelli che bocciano e disperdono di più nel mondo e il sistema non mostra miglioramenti tangibili. Bisogna essere attenti a valorizzare i migliori e ad accompagnare quelli che hanno difficoltà.  Mentre si continua per lo più a misurare con strumenti sbagliati su contenuti obsoleti fotografando la negatività e facendosi sopraffare da questa.  Il problema è che molti che insegnano non sanno poi valutare e dunque producono ulteriore dispersione. Occuparsi degli studenti in difficoltà è una parte della professione non un peso da scaricare.”

“Nella scuola degli anni ’60 – osserva l’ex ispettore scolastico Raffaele Iosa, già responsabile dell’Osservatorio nazionale sull’handicap – avevamo le vestali della classe media, oggi esistono ancora i sergenti da truppa obbediente, in perfetto stile prof. Aristogitone di Arbore e Boncompagni. Mi rattrista la posizione di chi non mostra alcuna empatia educativa e umana. Insegnare è altra cosa”.

Aluisi Tosolini, dirigente scolastico del liceo di Parma, è particolarmente severo: “Se si applicasse lo stesso metro anche al ceto docente avremmo un problema serio di organici: moltissimi ‘impiegati’ andrebbero licenziati. Io sarei per ‘pagare di più’ e premiare i docenti che lavorano bene con i derelitti (poveri, casinisti, ecc…); d’altronde si tratterebbe di ‘azioni positive e proattive’ che favorirebbero la realizzazione dell’articolo 3 della Costituzione. Non dimentichiamo che un docente pubblico è pagato per rimuovere ostacoli e per fare in modo che tutti diventino cittadini attivi”.

Franco De Anna, ex ispettore scolastico, esperto di problemi della valutazione di sistema, sottolinea: “Per la verità la nostra Carta indica anche di valorizzare i capaci e meritevoli e la ricerca della qualità è testimoniata dall’ obbligo del concorso (ma non è responsabilità dei Padri averli fatti così…), degli esami di Stato e della promozione professionale dei lavoratori. I nostri Padri erano per la qualità come ‘valore pubblico’, dunque non solo ‘inclusione’, ma promozione dei migliori, dei capaci e dei meritevoli”.
“Concludo con una provocazione – afferma De Anna – e dico che per combattere la meritocrazia dei Padri bisognerebbe forse cambiare la Costituzione”.