Home Archivio storico 1998-2013 Attività parlamentare Settanta anni fa il rastrellamento del Ghetto di Roma

Settanta anni fa il rastrellamento del Ghetto di Roma

CONDIVIDI
  • Credion

I tedeschi circondano il Ghetto e danno il via ad una retata che porterà alla cattura di 1268 persone. Rastrellata via del Portico D’Ottavia, le altre strade che attraversano il Ghetto e, alle 9.30, le operazioni si estendono anche in altre zone della città per concludersi intorno alle 14.
Il sabato ”nero’ di Roma prosegue alla Scuola Militare di via della Lungara dove le persone fatte prigioniere vengono, per due giorni, ”selezionate’ e divise secondo tre gruppi: ebrei, misti, ”ariani”.
I controlli dei tedeschi portano alla liberazione di 252 degli arrestati, ne rimangono 1016 che la mattina del 18 ottobre, chiusi in vagoni piombati, dalla stazione Tiburtina vengono trasportati ad Auschwitz. Giunti a destinazione, 149 uomini e 47 donne sono avviati nei campi di lavoro, gli altri vengono uccisi nelle camere a gas.
Terminata la guerra di quei mille ebrei romani ne tornarono 16, 15 uomini e una donna e, anche quest’anno, Roma non dimentica e, nel 70* anniversario da quello che da allora viene ricordato come il ”rastrellamento’ del Ghetto, verranno ripercorsi quei fatti con una serie di cerimonie commemorative, tra cui quella centrale del 16 ottobre alla Sinagoga, alla presenza del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano.
Dal 19 al 21 ottobre poi, il Campidoglio attraverso l’assessorato alla Scuola rinnoverà l’appuntamento con il ”Viaggio della Memoria’ nei luoghi della Shoah, termine con cui si ricorda lo sterminio del popolo ebraico, coinvolgendo studenti e insegnanti di 24 scuole superiori romane.