Home Sicurezza ed edilizia scolastica Sicurezza nelle scuole: non solo misure anti Covid

Sicurezza nelle scuole: non solo misure anti Covid

CONDIVIDI
webaccademia 2020

I più recenti interventi riguardante la sicurezza nelle scuole sono stati adottati a seguito dell’emergenza sanitaria Coronavirus (COVID-19).  Ma la sicurezza delle scuola non riguarda solo le misure anti Covid.

Infatti, in questa legislatura sono all’ordine del giorno altri interventi come un piano straordinario per l’adeguamento alla normativa antincendio delle scuole, la costruzione di Poli per l’infanzia innovativi, le risorse del Fondo per interventi straordinari della Presidenza del Consiglio per interventi di adeguamento strutturale ed antisismico delle scuole e i  mutui BEI per l’edilizia scolastica.

Interventi per la sicurezza delle scuole

Gli interventi perla sicurezza delle scuole sono:

ICOTEA_19_dentro articolo
  1. la previsione di adozione di un piano straordinario per l’adeguamento alla normativa antincendio delle scuole, al contempo differendo al 31 dicembre 2021 il termine per l’adeguamento, e di un piano nazionale di interventi di efficientamento energetico;
  2. la modifica della procedura per l’individuazione degli interventi da finanziare, rispettivamente, per la costruzione di Poli per l’infanzia innovativi e di scuole innovative nelle aree interne del paese e la destinazione delle relative risorse finanziarie;
  3. la previsione che, dal 2018, le risorse del Fondo per interventi straordinari della Presidenza del Consiglio destinate ad interventi di adeguamento strutturale ed antisismico delle scuole sono ripartite secondo i criteri della programmazione triennale nazionale degli interventi di edilizia scolastica.
  4. l’estensione della possibilità di stipulare i c.d. “mutui BEI” per l’edilizia scolastica anche agli interventi inclusi nelle programmazioni triennali successive a quella del triennio 2015-2017; l’istituzione nello stato di previsione del Ministero dell’interno del fondo «Asili nido e Scuole dell’infanzia; l’introduzione di semplificazioni per accelerare gli interventi;
  5. la modifica della disciplina per il riparto della quota dell’8 per mille del gettito IRPEF destinata agli interventi relativi agli edifici scolastici pubblici e l’istituzione di una apposita sezione del Fondo unico per l’edilizia scolastica.

Preparazione concorso ordinario inglese