Home Sicurezza ed edilizia scolastica Sicurezza scuole, è sempre di grande attualità

Sicurezza scuole, è sempre di grande attualità

CONDIVIDI

Il tema riguardante la sicurezza delle scuole è sempre di grande attualità, soprattutto alla luce degli ultimi spiacevoli episodi che si sono verificati sul territorio nazionale e che vedono coinvolti alcuni Dirigenti Scolastici.

Lo stesso Presidente di ANP (Associazione Nazionale Presidi), Antonello Giannelli, a conclusione dei lavori del Convegno Nazionale “Autonomia tra desiderio e realtà”, ha sostenuto che ANP continua a lavorare per mantenere al centro del dibattito il tema “sicurezza scuole”, ritenendolo al primo posto tra le priorità.

Ha inoltre sottolineato la necessità di avere scuole sicure e di fare chiarezza sul regime di responsabilità dei Dirigenti Scolastici, che non possono essere gravati di responsabilità che non possono controllare. A loro compete di gestire al meglio l’organizzazione delle scuole e non anche gli edifici.

ICOTEA_19_dentro articolo

Ed è proprio nell’ottica di una più ampia strategia di radicamento sul territorio nell’affrontare la problematica che ANP ha organizzato a Lecce un seminario di formazione, riservato a dirigenti e docenti, dal titolo “La sicurezza nelle scuole: cultura e gestione”. A tal riguardo si ricorda che la legge di bilancio 2019 (L. 145/2018) ha previsto l’attribuzione alle province delle regioni a statuto ordinario di un contributo per gli anni dal 2019 al 2033 per il finanziamento di piani di sicurezza finalizzati, tra l’altro, alla manutenzione delle scuole.

Il D.L 59/2019 (L. 81/2019) ha previsto l’adozione di un piano straordinario per l’adeguamento alla normativa antincendio delle scuole, al contempo differendo al 31 dicembre 2021 il termine per l’adeguamento, nei casi in cui a ciò non si sia già proceduto. Ulteriori interventi della XVIII legislatura hanno riguardato la modifica della procedura per l’individuazione degli interventi da finanziare, rispettivamente, per la costruzione di Poli per l’infanzia innovativi e di scuole innovative nelle aree interne del paese, la destinazione di risorse alla progettazione degli stessi Poli per l’infanzia e delle prime scuole innovative, nonché la destinazione delle economie derivanti da alcune precedenti linee di finanziamento per interventi di edilizia scolastica alla progettazione di interventi di messa in sicurezza degli edifici scolastici.

Inoltre, è stato previsto che, dal 2018, le risorse del Fondo per interventi straordinari della Presidenza del Consiglio destinate ad interventi di adeguamento strutturale ed antisismico delle scuole sono ripartite secondo i criteri della programmazione triennale nazionale degli interventi di edilizia scolastica, definiti in seguito nell’ambito dell’Accordo quadro siglato il 6 settembre 2018 che, oltre a individuare gli stessi, ha anche semplificato le procedure