Home Sicurezza ed edilizia scolastica Sicurezza scuole, una domanda al sottosegretario De Cristofaro

Sicurezza scuole, una domanda al sottosegretario De Cristofaro

CONDIVIDI

Lunedì 28 ottobre il segretario generale FLC CGIL Cuneo Doriano Ficara riceverà il Sottosegretario di Stato al Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Giuseppe De Cristofaro in un incontro pubblico che si terrà dalle 15 alle 17.30 presso la sala Falco palazzo della provincia  Cuneo.

Nel corso dell’incontro, si intendono sottolineare gli aspetti di maggior rilievo nel mondo della scuola. A tal riguardo Doriano Ficara dichiara: “Solleciteremo il sottosegretario De Cristofaro a indicare la strada per le soluzioni di quelle che sono le problematiche organizzative amministrative e didattiche che coinvolgono il settore dell’istruzione. Il colloquio si concentrerà sulle iniziative del Governo per lo sviluppo ed i cambiamenti necessari nel mondo della scuola”:

Da parte di chi scrive si vuole proporre una domanda al Sottosegretario di Stato Giuseppe De Cristofaro, nella speranza di ottenere una attenzione dal incontro cuneese.

ICOTEA_19_dentro articolo

La domanda è: “Dal XVI Rapporto sulla sicurezza delle scuole, presentato da Cittadinanzattiva, si evidenzia che 18.665 gli edifici scolastici si trovano in zone ad elevato rischio sismico (zona sismica 1 e 2), in particolare in Sicilia (3.832), Campania (3.458) e  Calabria (2.399). Nonostante ciò, solo per il 29% delle scuole è stata effettuata la verifica di vulnerabilità sismica; fanalino di coda Calabria (solo 2% con verifica), Campania (4%) e Sicilia (7%), regioni in cui insistono un maggior numero di scuole in zone ad elevata sismicità. Visti questi dati preoccupanti, cosa intende fare il governo nel rendere strutturalmente più sicuri i nostri edifici scolastici ?”