Home Archivio storico 1998-2013 Generico Sicurezza stradale: ai 14-16enni romani cd Ania ed esame gratis

Sicurezza stradale: ai 14-16enni romani cd Ania ed esame gratis

CONDIVIDI
  • Credion
Lodevole iniziativa della Provincia di Roma e della Fondazione per la sicurezza stradale dell’Ania – l’Associazione nazionale imprese assicuratrici – a favore dell’educazione stradale degli adolescenti: le scuole della provincia romana, frequentate di 70 mila studenti in età compresa tra i 14 e i 16 anni, riceveranno nelle prossime settimane un compact disc con il “patentino on line”, un programma che consente di esercitarsi con i quiz dell’esame. I ragazzi potranno così presentarsi direttamente, dopo avere anche svolto alcune ore di lezione, all’esame per ottenere il certificato di idoneità per la guida del ciclomotore.
L’accordo, firmato presso l’istituto superiore statale Leonardo da Vinci della capitale, rientra in una serie di interventi a sostegno della sicurezza stradale di cui beneficeranno anche donne ed autotrasportatori.
Il testo sottoscritto prevede che gli istituti della capitale coinvolti mettano a disposizione, da parte loro, otto ore di lezione sul codice della strada; al termine del mini-corso le scuole potranno chiedere di far accedere gratuitamente gli studenti all’esame.
Altri corsi teorico-pratici, sempre gratuiti, saranno realizzati anche in tre grandi centri della provincia di Roma nell’ambito del progetto “Ania campus”, avviato nel 2007 dall’associazione delle assicurazioni.
Per le donne le facilitazioni prevedono la distribuzione di “scatole rosa”, dispositivi satellitari collegati giorno e notte con una centrale operativa, che permettono di richiedere aiuto in qualsiasi momento in caso di aggressione o di guasto e di essere rintracciati. Mentre per i camionisti saranno disponibili corsi di formazione sui danni diretti e indiretti causati dalle cattive condotte di guida.

Ma la parte più impegnativa del progetto rimane quella relativa alla maggiore sensibilizzazione  e preparazione dei giovanissimi: “I ragazzi – ha sottolineato il presidente della Provincia di Roma, Nicola Zingaretti –  si devono impegnare a essere più responsabili. Una delle prossime iniziative, lanciate sempre nell’ambito di questo protocollo sarà legata alle discoteche, per promuovere l’abitudine ad avere sempre nel gruppo uno che si impegni a non bere per riportare tutti a casa”.
Il presidente della fondazione Ania, Sandro Salvati, ha rammentato come “gli incidenti stradali sono la prima causa di morte tra i giovani”. Nel 2007 le vittime tra i 18 e i 34 anni sono state 1.752, e un quarto degli incidenti sono avvenuti la notte durante i week end. “Davanti alla tragedia di questi dati – ha spiegato Salvati – tutti abbiamo il dovere di batterci di fare ancora di più per ridurre drasticamente gli incidenti”.