Home Alunni Sicurezza, una corsa in macchina non vale la vita

Sicurezza, una corsa in macchina non vale la vita

CONDIVIDI
  • Credion

Due autovetture coinvolte in un incidente stradale, che tornano a nuova vita grazie all’intervento pittorico di Jakhanagiev e trenta ragazzi della scuola media Cattaneo di Roma: l’installazione artistica e interattiva, chiamata Crashart, progettata dall’ungherese Alexander Jakhnagiev, voluta da Rai Isoradio in collaborazione con Aci e Polizia stradale e patrocinata dalla Camera dei Deputati, è stata presentata il 17 ottobre a Montecitorio.

L’opera intende dare un contributo alla sicurezza sulla strada e al rispetto della vita. All’evento è intervenuta, oltre la presidente Rai, Anna Maria Tarantola, la presidente della Camera, Laura Boldrini, la quale ha sostenuto che sia “un dovere delle Istituzioni promuovere l’educazione stradale, questo lo dico dopo aver guardato i dati che indicano come siano stati 1300 i morti su strada, di cui la gran parte sono giovani. Una corsa in macchina non vale la vita – ha detto la Presidente – bisogna saper viaggiare in sicurezza rispettando gli altri, anche questo fa parte del concetto di democrazia. Dobbiamo fare di più per formare i nostri giovani delle scuole elementari e medie affinché arrivino con consapevolezza alla patente”.

Icotea