Home Personale Stretta sulle assenze degli statali: nuove regole su malattie e permessi

Stretta sulle assenze degli statali: nuove regole su malattie e permessi

CONDIVIDI

Secondo Il Messaggero “Il primo aspetto riguarda le assenze per malattia, nel caso specifico in cui il dipendente pubblico abbia la necessità di dover effettuare una visita specialistica o delle analisi. La soluzione individuata e che potrebbe essere recepita nel contratto – si legge – prevede un’altra strada, ossia la possibilità di spacchettare in ore l’assenza per malattia. Se si hanno bisogno di due ore per effettuare una visita specialistica, o di un’ora a settimana per effettuare una determinata terapia, non sarà più necessario giustificare l’intera giornata, ma ci si potrà assentare soltanto per le ore necessarie giustificandole con la certificazione dello specialista o del terapista. Questa possibilità, tuttavia, non sarebbe senza limiti.

Ci sarebbe comunque un contingentamento, un tetto che rientrerebbe anche nel cosiddetto ‘periodo di comporto’, il tempo massimo di assenza entro il quale il dipendente pubblico ha diritto allo stipendio e alla conservazione del posto di lavoro”. Dal periodo di comporto, poi, “verrebbero esclusi in ogni caso le terapie salvavita, come per i malati di tumore”.

Icotea

 

{loadposition carta-docente}

 

“Un altro punto che potrebbe essere affrontato, riguarda la legge 104, quella per l’assistenza dei familiari disabili. Non si toccherebbero i principi fondamentali dell’istituto, che è regolato dalla legge, ma solo alcuni aspetti organizzativi – scrive ‘Il Messaggero’ – In pratica sarebbe chiesto ai dipendenti che la utilizzano di comunicare preventivamente al datore di lavoro i periodi di assenza, in modo da permettere una programmazione del lavoro. Sulla malattia degli statali sono attese anche altre novità, da tempo annunciate, ossia la stretta sulle assenze seriali e quelle di massa”.