Home Attualità Studente lancia il cestino contro la prof, Fedeli: pugno duro, ma siamo...

Studente lancia il cestino contro la prof, Fedeli: pugno duro, ma siamo sempre educatori

CONDIVIDI

Come si comporta un insegnante dinanzi ad un alunno aggressivo e violento che si scatena in classe? Non certo facendo finta di nulla, ma segnalando il caso alle autorità competenti e, nel contempo, cercando sempre di agire come educatore.

A ricordarlo è stata la ministra dell’Istruzione, Valeria Fedeli, riferendosi alla vicenda dello studente di Mirandola che dall’ultimo banco ha tirato due cestini dei rifiuti durante la lezione: uno contro un compagno e l’altro contro la professoressa.

Icotea

Il tutto è stato ripreso, e poi fatto circolare video, da uno studente delle classe: “è un episodio grave di una situazione nota alla scuola e ai servizi sociali e già all’attenzione del nostro Ufficio Scolastico Regionale, per la quale sono stati da tempo attivati interventi diversificati”, dice Fedeli.

LA VIOLENZA SEMPRE BANDITA

“Il video circolato in Rete – continua – colpisce e suscita naturalmente indignazione: episodi simili non sono tollerabili, a maggior ragione all’interno di un’aula scolastica, dove la violenza deve essere sempre bandita. Ma leggere sulla stampa che quelle immagini e la mancanza apparente di reazione da parte dell’insegnante sarebbero il simbolo dello sfascio della scuola fa forse più male. E non rende giustizia allo sforzo che le nostre scuole, le nostre e i nostri docenti fanno ogni giorno per dare alle ragazze e ai ragazzi tutti gli strumenti di cui hanno bisogno per muoversi con autonomia e competenza nel loro presente e nel loro futuro. Il quotidiano (pre)giudizio negativo su quanto accade a scuola è un errore”.

“Bisognerebbe conoscere gli eventi – continua la ministra – per scoprire che a Mirandola l’istituzione scolastica non è rimasta inerte, ma ha fatto e sta facendo la propria parte. Ha agito da tempo sul piano disciplinare e organizzativo, coinvolgendo per questo e altri casi le diverse autorità competenti. Senza venire meno al proprio ruolo educativo e tenendo conto della minore età dei soggetti coinvolti“.

IL MIUR NON LASCIA LE SCUOLE SOLE

“Come Ministero – dice ancora la responsabile del Miur – siamo al fianco della dirigente scolastica, delle e dei docenti, delle famiglie e dell’Ufficio Scolastico Regionale che stava seguendo il caso e che sta valutando ulteriori azioni di supporto. Il 27 ottobre abbiamo lanciato un Piano nazionale per l’educazione al rispetto, che mette a disposizione delle istituzioni scolastiche ulteriori strumenti operativi e risorse per contrastare ogni forma di violenza, discriminazione, bullismo. Abbiamo approvato e diffuso anche le Linee guida proprio per il contrasto del bullismo e del cyberbullismo”.

“La scuola e il Ministero stanno facendo una battaglia importante su questo fronte e vanno sostenuti. Da parte di tutti gli attori sociali coinvolti, ciascuno per la propria parte. Parlare sempre e solo di una scuola allo sfascio o allo sbando non corrisponde al vero e non rende merito alla sua quotidiana azione per sostenere la crescita delle nostre ragazze e dei nostri ragazzi”, conclude la ministra.