Home Archivio storico 1998-2013 Attività parlamentare Studenti lavoratori, in arrivo la riduzione di due punti delle aliquote Irpef

Studenti lavoratori, in arrivo la riduzione di due punti delle aliquote Irpef

CONDIVIDI
  • Credion
Mentre gli studenti italiani si apprestano di nuovo a scendere in piazza – il 28 ottobre, il 9 e il 17 novembre per “rilanciare la nostra idea alternativa di futuro che abbiamo cominciato a costruire in questi anni di distruzione e tagli, nelle scuole e nelle università pubbliche, nei luoghi della formazione, nelle tante assemblee e piazze che abbiamo riempito in modo pacifico e non violento” – il Governo si appresta ad approvare una norma che salvaguarda le buste paga di quelli che lavorano: dall’ultima bozza del provvedimento sullo Sviluppo, all’esame del Governo dopo l’approvazione della versione preliminare da parte del Consiglio dei ministri, risulta infatti che dal prossimo anno si applicherà una riduzione di due punti delle aliquote Irpef per gli studenti lavoratori.
“Le aliquote dell’imposta sul reddito delle persone fisiche per il periodo di imposta in corso e fino al terzo successivo alla data di entrata in vigore della presente legge – si legge nella bozza del decreto Sviluppo, ormai in dirittura d’arrivo – sono ridotte di due punti percentuali per i soggetti passivi iscritti a corsi di istruzione universitaria, di perfezionamento e/o di specializzazione universitaria, tenuti presso università italiane o straniere, pubbliche o private legalmente riconosciute”.
L’agevolazione non sarà però eterna: spetterà “solo agli studenti in corso per la durata legale del corso medesimo”. Chi non riuscirà a stare al passo con gli esami previsti, eventualità decisamente probabile per chi deve riuscire a conciliare i tempi del lavoro con quelli dello studio (altro che “bamboccioni”), non potrà così contare sullo sgravio fiscale: uno stimolo in più per terminare il prima possibile.