Home Alunni Studenti scurrili presi per il portafoglio

Studenti scurrili presi per il portafoglio

CONDIVIDI

 

Sta facendo il giro d’Italia la particolare prassi educativa instaurata da un’insegnante di educazione fisica, in servizio nell’istituto professionale alberghiero Olivetti di Monza: forte dei trent’anni di insegnamento alle spalle, Manuelita Vella, così si chiama la prof, da un po’ di tempo ha deciso di sostituire le note sul registro con delle vere e proprie sanzioni pecuniarie: in pratica, quando ad uno studente scappa una scurrilità si fa consegnare cinquanta centesimi; se però il ragazzo esagera, addirittura bestemmiando, la “multa” sale a tre euro. Con il ricavato che viene devoluto in beneficenza: va “ad un’associazione che si occupa di infanzia in India. I ragazzi sono costantemente informati su cosa viene fatto con il denaro delle sanzioni”, tiene a far sapere la docente.

Intervistata dall’Ansa, la donna ha spiegato che “imparare a trarre del bene dal male, è questo il mio spirito nella mia ora i ragazzi hanno la sensazione di essere più liberi di esprimersi come credono. Invece di punirli con note sul registro a ripetizione, ho pensato di indurli a riflettere sul loro comportamento con una sorta di multa che va a fare del bene”. Il metodo pare funzionare, la professoressa ha infatti notato un miglioramento del gergo dei suoi studenti: “c’è chi si complimenta di se nel mese in cui non deve pagare nulla e chi aiuta i compagni a trattenersi. Per chi dovrà lavorare a contatto con il pubblico è importante il gergo”.

Icotea

 

 

{loadposition eb-valutare}

 

 

Insomma, per i nostalgici della corrente psicologica “comportamentista” si tratta sicuramente di un esperimento educativo azzeccato. Per le famiglie dei ragazzi che si lasciano troppo facilmente andare a parole sopra le righe, invece, l’idea piacerà sicuramente meno.

 

 

Metti MI PIACE sulla nostra pagina Facebook per sapere tutte le notizie dal mondo della scuola